Menu
Cerca
Sul territorio

Più videosorveglianza e controlli per lo spaccio i punti salienti del “Patto per la sicurezza” di Montecatini

Firmato il "Patto per la sicurezza" di Montecatini Terme con la Prefettura di Pistoia: maggior sinergia fra Forze dell'Ordine e Polizia Locale per i controlli.

Più videosorveglianza e controlli per lo spaccio i punti salienti del “Patto per la sicurezza” di Montecatini
Cronaca Valdinievole, 31 Marzo 2021 ore 14:46

Nella mattinata odierna, è stato sottoscritto in Prefettura il Patto per l’attuazione della sicurezza urbana tra il Prefetto di Pistoia, Gerlando Iorio, e il Sindaco del Comune di Montecatini Terme, Luca Baroncini, alla presenza del Questore di Pistoia, Giovanni Battista Scali, del Comandante provinciale dei Carabinieri, Gianni Fedeli, e del Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, Francesco Tudisco.

Patto per la sicurezza a Montecatini Terme, ecco tutti i dettagli

Il Patto si inserisce nel quadro delle iniziative promosse dalla Prefettura su indicazione del Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza pubblica per migliorare la sicurezza territoriale, tra cui l’Accordo per lo svolgimento coordinato dei servizi di Polizia locale, sottoscritto lo scorso 24 febbraio, che si sta rivelando un’efficace modalità di esercizio congiunto dell’attività di vigilanza in materia di sicurezza della circolazione stradale e contrasto alle violazioni ambientali.

Il Patto per l’attuazione della sicurezza urbana si propone, quindi, di promuovere azioni coordinate e integrate per garantire maggiori condizioni di sicurezza sul territorio, migliorando l’attività di prevenzione dei reati, grazie a una migliore sinergia tra le Forze dell’Ordine e il potenziamento dei sistemi di videosorveglianza.

In particolare, le parti si impegnano ad attuare azioni volte alla prevenzione dei fenomeni di criminalità diffusa e predatoria, alla promozione del decoro urbano e all’ottimizzazione del controllo del territorio, anche attraverso l’intensificazione delle sinergie tra Forze di Polizia e Polizia Locale, l’implementazione e l’ammodernamento dei sistemi di videosorveglianza e di rilevazione targhe ed accessi, per costruire una rete tecnologicamente compatibile per lo scambio e la condivisione di informazioni e immagini.

Particolare impulso sarà dato, inoltre, alle azioni di prevenzione e contrasto della diffusione dell’uso di sostanze stupefacenti, nei luoghi privilegiati di aggregazione giovanile. Il Patto prevede, tra l’altro, l’istituzione, presso la Prefettura, di una cabina di regia composta dai rappresentanti delle Forze di Polizia e della Polizia Locale, con il compito di monitorare lo stato di attuazione del Patto, anche ai fini della pianificazione, in sede di Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, di servizi mirati di prevenzione, controllo e contrasto dei fenomeni criminali e illegali.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli