Menu
Cerca
CRONACA

Vab di Quarrata: i suoi primi 35 anni di vita

Si occupa di vigilanza antincendi boschivi e di protezione civile, e ha alle sue spalle ormai decenni di esperienza, interventi e servizi offerti alla cittadinanza.

Vab di Quarrata: i suoi primi 35 anni di vita
Cronaca Piana, 21 Febbraio 2021 ore 12:00

Lo scorso primo febbraio la sezione quarratina della Vab ha festeggiato il suo 35º anniversario. La Vab si occupa di vigilanza antincendi boschivi e di protezione civile, e ha alle sue spalle ormai decenni di esperienza, interventi e servizi offerti alla cittadinanza di Quarrata. Fra l’altro, la Vab è un’associazione formata interamente da volontari, fino ai dirigenti di più alto livello, il che non può che rendergli ancor più onore. L’associazione fu fondata a Firenze nel 1974 e oggi conta tantissime sezioni in Toscana (la regione con più sezioni e quindi anche più volontari) e anche una Federazione Nazionale Vab. I servizi che oggi offre ai cittadini sono ovviamente la vigilanza antincendio boschivo, poi la Protezione civile, che comprende molte attività, fra cui, nell’ultimo anno, un grande aiuto a tutto il comune di Quarrata per l’emergenza sanitaria.

Gli interventi

«Gli interventi di Protezione Civile che facciamo sul territorio – ha affermato Niccolò Pareti, coordinatore di sezione – vanno dal piccolo scantinato allagato da liberare, alla ricerca di dispersi fino agli interventi per le grandi alluvioni. La maggior parte dei nostri interventi comunque riguardano strade allagate, in particolare via di Brana e via del Falchero che spesso presentano questo problema. Inoltre partecipiamo a tutte le manifestazioni organizzate dal comune di Quarrata per garantire lo svolgimento corretto e la sicurezza».

Per poter compiere gli interventi e offrire i propri servizi alla cittadinanza la Vab ha bisogno di un parco mezzi non indifferente, soprattutto per la dotazione che deve avere.

«Il nostro autoparco dispone di cinque automezzi – ha affermato Federica Di Prato,  segretaria di sezione – quattro dei quali, nel periodo estivo, rimangono sempre allestiti con il modulo antincendio che abbiamo in dotazione. Nel resto dell’anno vengono anche utilizzati per la Protezione Civile».
Si tratta di tre Defender, un Ford Ranger e un Iveco Daily,  a cui bisogna aggiungere la torre faro da 14,5 metri.

«Fra gli interventi antincendio più importanti – ha continuato Federica – ricordiamo senza dubbio il grande incendio del 2003 sul Montalbano, zona Midolla, uno dei più grandi mai registrati nella zona: interessò circa venti ettari. Da ricordare senza dubbio anche gli interventi per gli incendi a Montale nel. 2017 e sul Monte Serra nel 2018. Le sezioni Vab Toscana inoltre si danno una mano a vicenda, perciò siamo andati spesso anche fuori dalla nostra zona: in particolare ricordo gli incendi a Piancastagnaio (GR) e a Sovicille (SI)».

«Come Protezione civile – ha detto Niccolò Pareti – abbiamo partecipato al terremoto de L’Aquila, di Amatrice, all’alluvione del 2018 di Livorno,  a quello del 2011 ad Aulla e a quello di Albinia del 2014. Nella colonna mobile regionale, il nostro compito è logistico: montiamo la parte idraulica dei rifugi e trasportiamo il materiale».

Nell’ultimo periodo di Covid, la Vab di Quarrata ha distribuito per ben due volte le mascherine porta a porta, mentre lo scorso novembre tramite il proprio stand in piazza Risorgimento, dove sono e saranno presenti il 13 febbraio, dalle 10 alle 13. Si possono ottenere le mascherine prenotandosi tramite il sito della regione Toscana.
«Attualmente la nostra sezione conta 49 volontari – ha concluso Federica Di Prato – che è un numero discreto se si considera che oggi il volontariato è meno sentito, ma abbiamo sempre bisogno di volontari e colgo l’occasione per invitare i cittadini di Quarrata: ci trovate invia Bocca di Gora e Tinaia 67. Concludo ringraziando i volontari che ci supportano».