CRONACA

Un Osservatorio permanente per contrastare gli assembramenti in tutti i comuni: Prefettura e Forze di Polizia in sinergia per rafforzare il controllo sul territorio

Il Sindaco di Pistoia è stato invitato, su conforme avviso dei responsabili delle Forze dell’Ordine, ad emettere un’ordinanza di divieto di consumo di cibo nei luoghi di transito soggetti a maggior affollamento e nei parchi pubblici.

Un Osservatorio permanente per contrastare gli assembramenti in tutti i comuni: Prefettura e Forze di Polizia in sinergia per rafforzare il controllo sul territorio
Pistoia, 11 Novembre 2020 ore 19:10

Nel pomeriggio di ieri, presso la Prefettura di Pistoia, si è tenuta, in videoconferenza, una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, convocata dal Prefetto Gerlando Iorio, alla presenza dei vertici provinciali delle Forze dell’Ordine e allargata alla presenza di tutti i Sindaci della provincia, allo scopo di programmare efficacemente i controlli delle Forze di Polizia sul rispetto delle misure governative di contrasto alla diffusione del contagio da Covid-19, anche alla luce della recente Ordinanza del Ministro della Salute che pone la Toscana tra le c.d. “zone arancioni” e che richiede la massima attenzione di tutti gli attori istituzionali.

La riunione

Nel corso della riunione, è dunque emersa la concreta necessità di analizzare in maniera puntuale e tempestiva i singoli contesti territoriali e aumentare il diretto coinvolgimento delle Polizie Locali nell’attività di controllo sul rispetto delle citate misure di contenimento del contagio.
In tale ottica, è stato istituito l’Osservatorio permanente per l’esecuzione e il monitoraggio delle misure anti-Covid, coordinato dalla Prefettura, al quale parteciperanno un rappresentante per ciascuna Forza dell’Ordine e i Comandanti delle Polizie Locali e Provinciale.
Il gruppo di lavoro provvederà quindi alla raccolta dei dati relativi all’efficacia del dispositivo di controllo con particolare riguardo agli accertamenti svolti, valutando congiuntamente le situazioni di criticità e le singole esigenze territoriali e condividendo in maniera sinergica con la locale Questura le informazioni così acquisite, nell’intento di creare una base di dati quanto più aderente al reale sentire del territorio.

Grazie a tale contributo di sintesi potranno essere modulati i dispositivi di vigilanza predisposti dalla Questura, basati su uno stretto coordinamento delle attività svolte congiuntamente dalle Forze di Polizia statuali, dalle Polizie Locali e dalla Polizia Provinciale.
L’attività dell’Osservatorio sarà utile, inoltre, in una prospettiva di condivisione interpretativa delle misure da applicare alle più controverse condotte e ai comportamenti non consentiti dalle disposizioni anti-Covid.
Per quanto concerne l’analisi delle misure volte a intervenire sui contesti di potenziale assembramento, quali in particolare l’interdizione o la limitazione all’accesso ad aree pubbliche, il Prefetto ha invitato i Sindaci ad effettuare una valutazione delle zone e dei luoghi maggiormente esposti a rischio di assembramento sulla base delle previsioni del DPCM del 3 novembre.

All’esito di una prima analisi svolta al riguardo, il Sindaco del Comune capoluogo è stato invitato, su conforme avviso dei responsabili delle Forze dell’Ordine, ad emettere un’ordinanza di divieto di consumo di cibo nei luoghi di transito soggetti a maggior affollamento e nei parchi pubblici, così da limitare le occasioni di potenziale rischio di assembramenti.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità