Turisti multati sulla montagna pistoiese: fine settimana di controlli intensi

Turisti multati sulla montagna pistoiese: fine settimana di controlli intensi
Cronaca Montagna, 01 Febbraio 2021 ore 12:04

I Carabinieri della Compagnia di San Marcello Piteglio intensificano i controlli nel fine settimana: 5 persone segnalate quali assuntori di sostanze stupefacenti e 6 contravvenzionate per non aver rispettato la normativa contro la diffusione del virus Covid 19.

Turisti multati in montagna

Nel fine settimana appena trascorso, complice la classificazione della Toscana in zona gialla, vi è stata una forte affluenza di turisti sulla montagna pistoiese e in particolare nelle località montane dell’Abetone e della Doganaccia di Cutigliano ed è per questo che i Carabinieri della Compagnia di San Marcello Piteglio hanno deciso di incrementare ancor di più il numero delle pattuglie presenti sul territorio al fine, da un lato, di verificare il rispetto della normativa emanata dal Governo per arginare il virus Covid 19, assicurando quindi che non venissero creati assembramenti fuori dai bar e dai locali commerciali e, dall’altro, di potenziare l’attività di contrasto all’uso di sostanze stupefacenti, soprattutto da parte di quei soggetti che poi si ponevano alla guida delle proprie autovetture, costituendo di fatto un pericolo per gli altri utenti della strada. Allo specifico servizio ha partecipato non solo il Nucleo Operativo della Compagnia, ma anche le pattuglie delle Stazioni Carabinieri di Cireglio, Pracchia, Campo Tizzoro, San Marcello Piteglio, Cutigliano e Abetone, le quali hanno eseguito una serie di posti di controllo lungo le principali direttrici stradali che collegano il comune di Abetone Cutigliano ai capoluoghi di Provincia della Toscana. I risultati conseguiti sono stati molto buoni, ma altresì estremamente preoccupanti, poiché hanno confermato l’esistenza della prassi, seguita dai più giovani, di assumere tranquillamente sostanze stupefacenti, generalmente del tipo marijuana o hashish, prima di mettersi alla guida, andando a costituire un vero e proprio pericolo sia per se che per gli altri. Ecco quindi che, proprio nella piazza principale di Abetone, sono stati controllati, da parte di una pattuglia del Nucleo Operativo di San Marcello Piteglio, tre giovanissimi ragazzi poco più che ventenni provenienti dalla Provincia di Pisa i quali, dopo aver preso il caffè, si stavano tranquillamente fumando uno spinello contenente hashish prima di mettersi in viaggio far rientro presso le proprie abitazioni. Sottoposti a perquisizione personale e veicolare sono stati trovati in possesso di altri 4 grammi di hashish e pertanto nei loro confronti è scattata la segnalazione alla Prefettura di residenza quali assuntori di sostanze stupefacenti ex art 75 dpr 309/90. Stessa sorte è toccata poi ad altri due ragazzi, di Lucca e Firenze, che sono stati fermati alla guida delle proprie autovetture, rispettivamente sulla SR 66 e SS 12 dell’Abetone e del Brennero, da parte ancora del Nucleo Operativo e della Stazione CC di San Marcello Piteglio i quali, oltra alla segnalazione alla Prefettura di residenza, si sono visti ritirare anche la patente di guida per la durata di almeno 30 gg.

Contravvenzioni al bar

La Stazione Carabinieri di Campo Tizzoro viceversa, nella serata di sabato, ha elevato 4 contravvenzione nei confronti di altrettanti avventori di un bar di Maresca i quali, dopo l’orario di chiusura dell’esercizio commerciale fissato per le ore 18:00, si erano intrattenuti tranquillamente a bere e a fare confusione nelle adiacenze dello stesso, in violazione quindi dell’attuale normativa che consente solamente l’asporto e vieta in ogni caso di consumare le bevande alcoliche nei pressi degli esercizi commerciali. Altre due contravvenzioni sono state poi elevate quella stessa notte da parte della pattuglia della Stazione di San Marcello che, alle ore 03:30 circa e quindi in pieno coprifuoco, ha fermato un’autovettura che scendeva dall’Abetone con a bordo una coppia di ragazzi di Firenze. Alla domanda su cosa ci facessero a San Marcello Piteglio, il ragazzo ha risposto con naturalezza ai militari che aveva semplicemente portato la sua fidanzata a festeggiare l’anniversario in montagna e adesso stavano facendo rientro a Firenze: anche per loro quindi è scattata la contravvenzione prevista dal decreto legge 19 del 25.03.2020.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli