Cronaca
Serravalle

Tombatura del Rio di Casale, ci siamo quasi

Nel dibattito in consiglio comunale non sono mancati i momenti di tensione fra il sindaco Piero Lunardi ed il consigliere di minoranza, Raffaele Landi

Tombatura del Rio di Casale, ci siamo quasi
Cronaca Pistoia, 21 Novembre 2021 ore 15:00

Raffiche di interrogazioni presentate da Raffaele Landi in consiglio comunale, botta e risposta tra Gorbi e Spinelli, candidature a sindaco, sondaggio del Giornale di Pistoia e altro durante un incontro con il sindaco Piero Lunardi. «A volte spiace avere ragione come avvenuto durante l'ultimo consiglio – ha iniziato Lunardi - in cui sono state impiegate ore, non minuti, per rispondere a interrogazioni che nonostante tutta la mia buona volontà di intravedervi motivazioni palesemente propositive, ho avuto la sensazione che avrebbero assorbito tempo a discapito di tematiche più urgenti e rilevanti. Non me ne voglia Landi: io sono il primo ad apprezzare la sua sensibilità così vulcanica verso le faccende del paese per cui vorrei spiegarmi meglio: un consiglio dura ore e ore, spesso ha inizio al termine della giornata in cui la stanchezza fisica e quella nervosa iniziano a farsi sentire, per cui secondo me sarebbe assai più pratico impiegare il tempo a disposizione nel modo più concreto possibile; per cui andare sempre a rivangare il fascismo, l'antiterrorismo, il comunismo, o quello che accade nel mondo dimenticando che il nostro mondo inizia prima di tutto a Serravalle. E’ lì che dobbiamo risolvere prima i nostri problemi e poi, se c'è tempo, possiamo dedicarci anche a quello che accade altrove dove, sia ben chiaro, non abbiamo voce in capitolo, nessuna. Landi con la sua pioggia di interrogazioni mette in crisi gli uffici, chiede documenti che sono on line, quella sulla Gronchi si apre e si chiude subito perché è stata fatta una gara aperta, la ex scuola di Cantagrillo è stata visionata dai vigili del fuoco, dalla Asl, dall'Arpat perché secondo il Landi si apre una scuola senza i controlli di legge? L'interrogazione sulla fognatura a Serravalle capoluogo l'ha saggiamente ritirata, quella sul comportamento etico dei dipendenti comunali riferita a Elia Gargini reo a suo dire di avere espresso un'opinione politica, va contro la Costituzione che garantisce a tutti la libertà di opinione. Insomma, ho la percezione che il consigliere Landi confonda le tematiche politiche con quelle tecniche, da lui vorrei meno interrogazioni e più proposte. Sul tratto tombale del rio divelto dall'alluvione in via San Biagio ci sono da fare dei minimi espropri a monte su cui i proprietari non hanno mosso obiezioni. La sistemazione di quel tratto di strada è il risultato di cooperazione tra più enti.

L'opposizione, nella persona di Gianfranco Spinelli ha ringraziato la Regione Toscana ma ha ignorato l'enorme mole di lavoro svolta dall'amministrazione».

E, proprio da qui, è subentrato l’intervento del vice-sindaco Federico Gorbi.

«Ho sentito ringraziamenti alla Regione Toscana r non al GSE ma non mi sorprendo - ha dichiarato - A parte questo mi ha colpito una frase del consigliere Gianfranco Spinelli quando afferma che questo intervento si realizza grazie anche all'amicizia dell'opposizione con chi governa a Firenze. Io sono convinto che esista un mondo in cui sono premiati i progetti meritevoli e non vanno avanti i progetti per amicizia, pertanto sono convinto che la Regione premia i progetti fatti bene. Se fosse vero quello che dice Spinelli, che l'amicizia con alcuni governanti della Regione Toscana porta i soldi a un comune piuttosto che a un altro, sarebbe un mondo triste. Io credo nel merito e per questo ringrazio il nostro ufficio tecnico, il consorzio Medio Valdarno e i nostri progettisti per l'eccellente e meritevole lavoro svolto».

Riascoltando, quasi alla moviola usando un termine calcistico, il passaggio incriminato Spinelli parla di “sensibilità, all'amicizia” ed ha così replicato dicendo di essersi spiegato male.

Capitolo elezioni

Ed è qui che ritorna in pista il pensiero di Piero Lunardi.

«Al momento non vedo candidature tranne la mia - ha aggiunto il primo cittadino - forse i vari schieramenti non riescono a trovare argomenti validi per contrastare tutto quello che ha fatto questa amministrazione negli ultimi cinque anni. Nel tempo il centrosinistra non ha costruito nulla senza preoccuparsi di formare giovani da inserire nel panorama politico futuro e ora sono in difficoltà nel trovare candidati credibili. Poi ci sarebbero altre liste civiche ma esistono davvero? Io mi sono ricandidato perché so di avere svolto un lavoro attento e sempre a favore dei cittadini. Non dimentichiamo in quali condizioni ha lavorato questa amministrazione nei due terribili annidi pandemia, e poi è giunta l’ora di dire che la lista “Uniti per Serravalle” ha raggiunto risultati indiscutibili anche se vincere il confronto con la passata amministrazione non è stata poi un'impresa straordinaria. Infine una curiosità, proprio relativa al sondaggio: la somma delle preferenze alternative a quelle riconducibili ai candidati vicini al Pd, dovrebbe essere considerata con attenzione dai lettori, visto che è maggiore».