Terreni incolti a Pescia, pugno duro da parte del sindaco Giurlani

Pugno duro da parte dell'amministrazione di Oreste Giurlani a Pescia per quanto riguarda chi non controlla e non provvede alla cura dei propri terreni incolti.

Terreni incolti a Pescia, pugno duro da parte del sindaco Giurlani
Valdinievole, 28 Aprile 2019 ore 08:47

Provvedimenti duri in arrivo da parte dell’amministrazione comunale di Pescia per quanto concerne coloro che non tengono con cura i propri terreni incolti: “ne guadagnerà il decoro e le condizioni igienico-sanitarie del territorio” ha detto il sindaco Oreste Giurlani.

L’attenzione verso i terreni incolti privati

Con largo anticipo, rispetto allo scorso anno quando, a causa dell’insediamento della nuova legislatura, il provvedimento arrivò a luglio inoltrato, torna a Pescia l’operazione di pulitura dei terreni incolti.

“Lo scorso anno, nonostante i tempi ristretti, molti pesciatini hanno risposto positivamente all’appello e i risultati si sono visti – commenta il sindaco di Pescia Oreste Giurlani – perché, come non era praticamente mai successo, sono state tagliate intere vegetazioni. Ora, essendoci più tempo, mi aspetto che si aggiungano tante aree ulteriori a quelle già ripulite. Ne guadagnerà il decoro ma anche le condizioni igienico-sanitarie del comune, come ci chiedono molti cittadini. I controlli verranno effettuati da polizia municipale e dalle Gav, le guardie ambientali volontarie, ma spero che tutti capiscano l’importanza di questa attività di taglio della vegetazione incolta e non ci sia bisogno di provvedimenti coercitivi, come prevede la legge”.

L’avviso del sindaco di Pescia Oreste Giurlani, che sarà distribuito sul territorio, è molto dettagliato e parte dal presupposto che la presenza diffusa di terreni incolti con arbusti, siepi e vegetazione in eccedenza costituisce un habitat naturale per animali nocivi per l’igiene del territorio, oltre che una minaccia per la sicurezza delle persone, sia per la circolazione che in caso di rischio di incendi, di minaccia al deflusso delle acque o altre situazioni simili.

Con questo provvedimento il sindaco invita i proprietari o affittuari dei terreni e delle aree libere a non lasciare alcun materiale in deposito; di tenere gli stessi appezzamenti sgombri da sterpaglie, cespugli, rovi, ramaglie, erbe infestanti, da immondizie in genere, provvedendo alla periodica manutenzione con tagli alla vegetazione, anche per prevenire il rischio incendi. Rispetto allo scorso anno, una particolare attenzione verrà posta alla vegetazione che si protende sulle strade, facendo “effetto tunnel”, impedendo la giusta visuale e mettendo a rischio la percorrenza di ciclisti e in generale dei veicoli.

LEGGI ANCHE: Arrestato 48enne di Lamporecchio che aveva piante di marijuana in casa

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità