Menu
Cerca
Le operazioni

Teneva telecamere di videosorveglianza senza dichiararlo, denunciata 45enne di Quarrata

Doppio intervento dei Carabinieri fra Lamporecchio e Quarrata dove è stata denunciata una 45enne titolare di un negozio di acconciature.

Teneva telecamere di videosorveglianza senza dichiararlo, denunciata 45enne di Quarrata
Cronaca Piana, 26 Febbraio 2020 ore 11:59

Il bilancio delle ultime operazioni condotte dai Carabinieri a Lamporecchio, dove nei guai è finito un 78enne per inquinamento ambientale, ed a Quarrata dove è stata denunciata una 45enne che aveva installato nel proprio negozio di parrucchiera delle telecamere di videosorveglianza senza dichiararlo e si è beccata anche una ammenda di 400 euro.

Attività dei Carabinieri a Lamporecchio

I Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Firenze, a conclusione di un’attività scaturita da un controllo ad una ditta di Autodemolizioni con sede in Lamporecchio, denunciavano in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Pistoia un uomo di 78 anni, amministratore della suddetta società, poiché ritenuto responsabile di inquinamento ambientale.
In particolare, veniva accertato che il predetto gestiva l’impianto di trattamento dei veicoli fuori uso senza procedere a tempestiva bonifica dei mezzi ritirati, depositandoli su aree interne in modo promiscuo con mezzi già bonificati.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, scuole aperte in Toscana il 26 febbraio

A Quarrata denunciata una 45enne

I Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Pistoia, a conclusione di alcuni controlli effettuati ad attività commerciali presso il Comune di Quarrata, veniva denunciata in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Pistoia una donna di 45 anni, titolare di un salone di parrucchiera, poiché ritenuta responsabile di installazione abusiva di impianto di videosorveglianza.
In particolare, veniva accertato che la predetta aveva installato presso la sede aziendale un impianto di videosorveglianza idoneo al controllo a distanza dei lavoratori, senza la prescritta autorizzazione. Oltre alla suddetta denuncia, venivano elevate ammende per circa 400 euro.