Cronaca
grave lutto

Si è spento improvvisamente Nicola Cariglia, presidente della Fondazione Turati

E' scomparso a 79 anni Nicola Cariglia, volto notissimo a Pistoia per il suo ruolo di presidente della Fondazione Turati: il cordoglio di tutta la città.

Si è spento improvvisamente Nicola Cariglia, presidente della Fondazione Turati
Cronaca Pistoia, 20 Settembre 2022 ore 14:34

La notizia data direttamente dalla Fondazione stessa: aveva 79 anni, era alla guida dell'ente dal 2009. Per lui una carriera da giornalista in Rai. Il cordoglio unanime.

L'addio di Pistoia a Nicola Cariglia

Nicola Cariglia, Presidente della Fondazione Turati, ci ha lasciato improvvisamente. Aveva assunto la carica nel 2009, succedendo al fratello Antonio. In questo lasso di tempo Nicola Cariglia ha accompagnato la nostra Onlus verso una visione dei servizi sempre più moderna e connessa alle esigenze della società e al contempo ispirata dalla volontà, già all’origine della sua costituzione, di rivolgere la propria attività primariamente ai soggetti svantaggiati e fragili, guidandola inoltre con estrema attenzione e umanità ancor più nel difficile periodo dell’emergenza pandemica. La Sua scomparsa ci lascia di fronte a un vuoto incolmabile.

Il Consiglio di amministrazione della Fondazione e tutti i dipendenti partecipano con grande commozione al dolore della Famiglia e rinnovano l’impegno a portare avanti con grande determinazione l’opera da Lui avviata. I funerali avranno luogo a Firenze venerdì 23 alle ore 11,30 alla Basilica di San Miniato a Monte.

Nato a Pistoia nel 1943 e residente a Firenze, Nicola Cariglia ha fatto nel 1970 il suo ingresso in Rai, dove ha svolto un’intensa attività giornalistica e dove ha ricoperto per diversi anni il ruolo di vicedirettore della Direzione esteri (poi Rai International), quello di direttore della sede di Pescara e, dal 1998 al 2008, quello di direttore della sede Rai per la Toscana.

A Firenze ha avuto anche un’importante parentesi politico-amministrativa, ricoprendo incarichi quali, tra gli altri, quello di vicesindaco, di presidente della Società di gestione dell’aeroporto, di membro del Consiglio di amministrazione della Società di gestione degli spazi espositivi della città. Nel 2002 ha fondato il quotidiano online PensaLibero.it, che ha diretto fino a oggi.

Addio a Cariglia, il ricordo della Società della Salute Pistoiese

La presidente della Società della Salute Pistoiese Anna Maria Celesti e il direttore Daniele Mannelli esprimono, a nome di tutti i componenti del SdS, il proprio cordoglio per l'improvvisa scomparsa di Nicola Cariglia, presidente della Fondazione Filippo Turati. "Nicola Cariglia, giornalista, figura di primo piano nella politica e nelle istituzioni fiorentine – afferma la presidente Celesti -, ha rappresentato per Pistoia un punto di riferimento imprescindibile nel mondo del terzo settore. Il suo è stato un contribuito essenziale nello sviluppo e nella crescita del Centro socio sanitario di Gavinana così come del Centro riabilitativo di Pistoia e degli altri Centri che la Fondazione ha realizzato negli anni anche al di fuori della Toscana. Con lui e con la Fondazione Turati – concluce Celesti -, il nostro Consorzio ha avuto importanti e positivi rapporti di collaborazione, nel comune intento di sostenere e assistere le persone più fragili come gli anziani e i disabili. Con la sua scomparsa se ne va una persona di grande valore".

Il commiato a Cariglia del Presidente della Regione, Eugenio Giani

Il presidente della Regione esprime il proprio cordoglio per la scomparsa di Nicola Cariglia. La Toscana, sottolinea, perde con lui un uomo di grandi valori, un giornalista e un politico di assoluto livello. Il presidente ricorda con commozione il rapporto di amicizia con Cariglia, nato e rafforzatosi nel corso di lunghe e comuni battaglie politiche.

Di Cariglia il presidente toscano ricorda anche le qualità di amministratore pubblico. Come assessore e vicesindaco di Firenze negli anni '80 fu protagonista di importanti scelte della vita politica e amministrativa cittadina. A lui, ricorda, si deve la costituzione della società di gestione dell’aeroporto di Firenze e di altre società partecipate dal Comune. Fu partecipe, sottolinea ancora, di una intera stagione di governo riformista, con le novità anche sul piano delle politiche urbanistiche. A queste capacità amministrative Cariglia univa l’interesse per le grandi questioni internazionali e fu sua la cura, come assessore comunale, delle relazioni con molti paesi dell’Est Europa prima del crollo del muro di Berlino. Il presidente della Regione conclude il suo ricordo sottolineando anche il grande valore dell’impegno di Cariglia sui temi sociali e in particolare verso le politiche per gli anziani: un impegno, come presidente della Fondazione Turati, che lo ha visto protagonista fino all’ultimo.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter