L'iniziativa

Serravalle, Piero Lunardi e Federico Gorbi col megafono in strada per invitare a rimanere in casa - VIDEO

Il sindaco di Serravalle Pistoiese, Piero Lunardi, assieme al suo vice Federico Gorbi è sceso letteralmente in strada per invitare i propri cittadini al rispetto delle regole: rimanere in casa di fronte all'aumento dei contagi da Covid-19.

Cronaca Piana, 17 Marzo 2020 ore 11:14

Il video è stato caricato dal sindaco di Serravalle Pistoiese, Piero Lunardi, che nella serata di lunedì 16 marzo assieme al suo vice Federico Gorbi hanno girato per le strade e le piazze, ovviamente deserte, di Casalguidi e del territorio per invitare la popolazione a rimanere in casa di fronte all'emergenza Coronavirus visto che sono già 6 i casi di persone risultate positive nel territorio comunale al Covid-19.

Serravalle, Lunardi e Gorbi in auto col megafono

Non è detto che nell'epoca dei social network e nelle news h24 su tutti i canali, le persone (soprattutto quelle anziane) siano sempre informate su tutto. Per questo motivo il sindaco di Serravalle Pistoiese, Piero Lunardi, assieme al suo vice Federico Gorbi, nella serata di lunedì 16 marzo hanno deciso di scendere letteralmente nelle strade e nelle piazze - rigorosamente deserte - per informare tramite megafono la popolazione che era in casa di continuare a rimanerci. Questo quel che ha scritto il sindaco di Serravalle al termine del viaggio.

Ore 23:10 Appena tornato da un lungo giro insieme a Federico Gorbi Vicesindaco di Serravalle Pistoiese insieme al quale abbiamo cercato, coi megafoni, di arrivare a tutti, anche a coloro che magari non seguono la tv o i social network, per sensibilizzare la popolazione verso le restrizioni dovute all’emergenza sanitaria in corso.

Da parte dei due politici, e dal resto dell'amministrazione comunale, la preoccupazione a Serravalle Pistoiese è alta visto che sono saliti a sei i casi di persone risultate positive al Covid-19 (in un territorio tutt'altro che ampio).

LEGGI ANCHE: Il bilancio del contagio di lunedì 16 marzo

L'invito, da parte di Piero Lunardi e di Federico Gorbi, pertanto è sempre e solo quello di rimanere in casa ed uscire per lo stretto necessario, ovvero motivi di lavoro, fare la spesa ed eventuale assistenza sanitaria a persone care non rinviabile.