POLITICA

Revoca bando, Tomasi contatta Autostrade: "Un'incertezza che dura da molto tempo"

Questo braccio di ferro tra Governo e società, ha provocato enormi ritardi che si sommano a quelli già accumulati nel tempo e che piombano sulla testa del territorio e dei suoi cittadini.

Revoca bando, Tomasi contatta Autostrade: "Un'incertezza che dura da molto tempo"
Cronaca Pistoia, 10 Febbraio 2021 ore 18:07

Non appena appresa la notizia della revoca del bando di prequalifica per la realizzazione della terza corsia autostradale, opera a cui sono collegati progetti fondamentali per Pistoia di cui si parla da anni, come l’Asse dei vivai, il sindaco Alessandro Tomasi si è subito mosso contattando direttamente Autostrade.

Il sindaco

«L’incertezza sulla terza corsia e sulle opere ad essa collegate – interviene il sindaco Alessandro Tomasi - non nasce oggi, con la punta dell’iceberg della revoca del bando, ma va avanti da due anni e mezzo con le mancate decisioni del Governo sulla concessione di Autostrade e la lentezza della società sulle procedure. Due anni e mezzo durante i quali il Comune ha continuato a lavorare sulle opere connesse. Questo braccio di ferro tra Governo e società, ha provocato enormi ritardi che si sommano a quelli già accumulati nel tempo e che piombano sulla testa del territorio e dei suoi cittadini. Insomma, è la nostra città a pagarne le conseguenze in termini economici e di sviluppo.

Non appena appresa la notizia della revoca, ho immediatamente preso contatti con Autostrade. Voglio essere chiaro: non ci accontenteremo delle rassicurazioni informali avute dalla società e continueremo a monitorare una situazione quanto mai problematica. Ad Autostrade – continua il sindaco – da cui, come dicevo, abbiamo avuto una serie di rassicurazioni legate al progetto della terza corsia e alle opere collaterali, abbiamo chiesto quindi  di avere risposte formali sulla ripubblicazione del bando e sui tempi, visto che la società sostiene che la revoca sia solo un atto tecnico.

Intanto il Comune va avanti. È in corso la verifica di assoggettabilità a Via  per l’Asse dei vivai, così come la conferenza dei servizi sul progetto preliminare. Con la Regione ho già avuto contatti affinché sia fatta chiarezza al più presto sul futuro di queste opere».