Cronaca
i dettagli dell'operazione

Rapinarono a maggio la gioielleria "Punzo" a Montecatini: arrestati due lituani

Dopo mesi di ricerche sono stati individuati ed estradati in Italia i responsabili della rapina alla gioielleria "Punzo" che avvenne a Montecatini lo scorso maggio: si tratta di due lituani.

Rapinarono a maggio la gioielleria "Punzo" a Montecatini: arrestati due lituani
Cronaca Valdinievole, 03 Dicembre 2021 ore 15:33

All’esito di una serrata attività investigativa dai risvolti internazionali, con il coordinamento della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Pistoia, operatori della Squadra Mobile della Questura di Pistoia e del Commissariato di P.S. di Montecatini hanno eseguito due Ordinanze di Custodia Cautelare in Carcere, a carico di cittadini lituani indagati per la rapina perpetrata il 26 maggio 2021 in danno della gioielleria “Punzo” della città termale.

Rapina a Maggio a Montecatini Terme, arrivano gli arresti dopo intensa attività

Il delitto si caratterizzò per la particolare rapidità di esecuzione: tre uomini di cui uno armato di pistola entrarono nella gioielleria e, mentre il primo fece inginocchiare il proprietario e i commessi tenendoli sotto tiro con l’arma, gli altri due in simultanea fecero razzia degli orologi e dei preziosi esposti nelle vetrine, asportando beni per un valore stimato in sede di denuncia per più di duecentomila euro. Il tutto in meno di un minuto, come emerso a seguito dell’escussione delle vittime del reato e dell’analisi dei filmati della telecamera a circuito chiuso. Dopo essere rapidamente usciti dalla gioielleria, i tre rapinatori si allontanarono dalla piazza del Popolo, ove si trova la gioielleria, dandosi alla fuga.

Gli accertamenti ebbero avvio subito dopo, a seguito di chiamata al numero di soccorso 113 da parte del titolare della gioielleria, con l’arrivo di personale del locale Commissariato di P.S. e conseguente intervento in loco della Squadra Mobile per lo sviluppo dell’attività investigativa.

Mediante immediata analisi dei filmati ripresi dalla telecamera interna, escussione dei testimoni e ricostruzione dei movimenti dei tre rapinatori in arrivo ed in partenza da Montecatini, si risalì alle generalità degli stessi, che erano stati sottoposti poco tempo prima a controllo di polizia in un’importante stazione ferroviaria poco distante da Montecatini. Emerse che si trattava di tre cittadini lituani di 30, 36 e 54 anni, privi di precedenti in Italia.

Ulteriori accertamenti, compiuti dalla Squadra Mobile su delega della Procura della Repubblica di Pistoia nell’ambito della cooperazione internazionale di polizia, permisero poi di avere piena conferma sulle identità degli autori della rapina, e di qualificarne inoltre il reale spessore criminale, in quanto si apprese che si trattava di soggetti già gravati da numerosi precedenti per gravi reati di tipo predatorio commessi all’estero, sia nel loro paese di origine che in altri Stati dell’Unione Europea.

A seguito dell’emissione di Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere disposta dal Giudice per le Indagini Preliminari, la Procura della Repubblica di Pistoia ha chiesto l’applicazione del Mandato di Arresto Europeo per i tre indagati, dopo averne riscontrato lo stato di latitanza. Inseriti i provvedimenti di cattura nella Banca Dati internazionale, due dei predetti rapinatori sono stati catturati rispettivamente in Lituania e in Danimarca; a seguito del successivo completamento delle procedure di estradizione, gli stessi sono stati prelevati ed accompagnati in Italia da personale Interpol, con arrivo all’aeroporto di Fiumicino – il primo nella giornata del 5 ottobre u.s., il secondo in data di ieri 2 dicembre – ove erano presenti gli operatori della Squadra Mobile di Pistoia e del Commissariato di Montecatini che, congiuntamente agli agenti del locale Ufficio Polizia di Frontiera hanno proceduto in entrambi i casi all’esecuzione dell’Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere a carico dei due indagati.