Anche in provincia di Pistoia è boom di vendite per le pistole al peperoncino

Cresce in provincia di Pistoia l'acquisto di pistole al peperoncino per autodifesa: parla il titolare di una delle aziende più importanti del settore.

Anche in provincia di Pistoia è boom di vendite per le pistole al peperoncino
Pistoia, 01 Aprile 2019 ore 10:27

A tu per tu con Gionata Lenzi, pistoiese e titolare della Brand Store, società leader in Italia per l’acquisto di pistole al peperoncino. Spiega il suo funzionamento e perché si sta così affermando anche nella nostra provincia: l’intervista è stata pubblicata nel mese di marzo dal GIORNALE DI PISTOIA E DELLA VALDINIEVOLE.

Un consumo in continuo sviluppo

I fatti di cronaca e i continui episodi di furti, aggressioni, rapine e violenze sessuali, fanno sì che in Italia il quotidiano dibattito politico e sociale si concentri spesso sul tema della legittima difesa. Tra chi si munisce di mazze da baseball, spranghe e forconi o addirittura armi da fuoco, negli ultimi anni in molti si sono attrezzati con gli ormai celebri spray al peperoncino. La tecnologia ha fatto passi avanti anche in questo settore e oggi sul mercato si trovano anche le pistole al peperoncino, caratterizzate sempre dalla stessa sostanza urticante ma con un diverso meccanismo di attivazione e di funzionamento.

Pistola al peperoncino: una moda?

Una moda scoppiata anche in Toscana che, secondo i dati rielaborati e diffusi dalla Brand Store, società con sede a Pontedera, è la quarta in Italia per l’acquisto di questi oggetti. Oltre ai motivi sopra elencati, ad incidere su questo particolare dato è sicuramente la presenza sul territorio di una delle principali aziende di commercializzazione di pistole al peperoncino a livello nazionale: la start-up MiDifendo.it, marchio del gruppo Brand Store che opera a Ponsacco, provincia di Pisa. Il sito internet MiDifendo.it, aperto nel 2016 dal titolare Gionata Lenzi, è il primo e-commerce italiano di prodotti per l’autodifesa: all’interno si possono trovare pistole tascabili usa e getta, pistole professionali ricaricabili a getto di liquido irritante e tanti altri accessori indispensabili per un completo equipaggiamento antiaggressione, come fondina, puntatore laser e ricariche.

Nel 2017 l’azienda ha venduto circa 15mila pistole, dato addirittura raddoppiato nel 2018. Come detto la Toscana si conferma tra le regioni più interessate all’acquisto di questo prodotto, con Pistoia subito fuori dal podio della classifica delle Province con più pistole acquistate, 422. Comanda Firenze con 1140, seguita da Pisa (581) e Lucca (570). Statistica che ha una certa corrispondenza ad esempio con quelle relative alle violenze sessuali denunciate in Italia nel 2017. Secondo i dati Istat, la Toscana è settima con 526 denunce, preceduta dal Veneto (542) e seguita da Piemonte (508). Si sbaglia però a pensare che il target sia solo femminile.

«Sono donne, anziani, ma soprattutto uomini d’affari, sportivi e viaggiatori – spiega Gionata Lenzi – ma anche i professionisti più a rischio come negozianti, tabaccai, benzinai, gioiellieri, tassisti e guardie giurate. Le pistole al peperoncino, per la loro semplicità d’utilizzo, sono diventate anche un utile regalo da farsi e da fare ai genitori che vivono da soli, alla moglie oppure ai figli purché superino la soglia di 16 anni, limite legale per il libero porto e detenzione».

Come utilizzare le pistole

Le pistole, prodotte dall’azienda svizzera Pixeon, non sono considerate vere e proprie armi per cui sono sono liberamente acquistabili e portabili ovunque, anche fuori casa, senza bisogno di licenza né porto d’armi. Molto efficaci (sparano un gel che penetra nelle mucose e immobilizza per circa 45-60 minuti con sintomi che non lasciano danni permanenti), sono facili da usare e da nascondere comodamente in borsa o in tasca. A tal proposito, Midifendo.it sta lanciando sul mercato delle borse in pelle con delle tasche segrete, pensate per nascondere le pistole e sorprendere l’aggressore prima che se ne possa accorgere.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità