Prevenzione ictus, sabato 26 Open Day all’Ospedale San Jacopo

Appuntamento per il prossimo sabato all'Ospedale San Jacopo di Pistoia: al via le prenotazioni per partecipare alla giornata per la prevenzione da ictus.

Prevenzione ictus, sabato 26 Open Day all’Ospedale San Jacopo
Cronaca Pistoia, 21 Ottobre 2019 ore 16:36

Iniziativa messa in piedi dall’Asl Toscana Centro in programma per sabato 26 ottobre per informare e sensibilizzare la cittadinanza su di un tema molto importante come quello della prevenzione all’ictus: ecco come fare per prenotarsi e gli orari di apertura nello specifico all’Ospedale San Jacopo.

Prevenzione all’ictus: come fare per partecipare

Sono aperte le prenotazioni per l’open day dedicato all’ictus cerebrale previsto per sabato 26 ottobre presso l’Ospedale San Jacopo di Pistoia in occasione della giornata mondiale sulla prevenzione e sensibilizzazione di questa patologia tempo-dipendente. I cittadini interessati possono prenotare, già da domani, la visita telefonando al numero 0573/351790 nei giorni: martedì 22, mercoledì 23 e giovedì 24 ottobre dalle ore 13.00 alle ore 14.00.

L’iniziativa organizzata dalla Neurologia del San Jacopo e dall’Associazione di Volontariato A.L.I.Ce. ictus onlus Pistoia prevede la possibilità di effettuare uno screening completo per la prevenzione dell’ictus cerebrale.

Per l’intera giornata di sabato 26 ottobre dalle ore 8 fino alle 12.45 presso gli ambulatori 18 e 19 (lato A-piano terra) dell’Ospedale San Jacopo l’equipe medica e tecnica di neurologia diretta dal dottor Gino Volpi effettuerà, ai cittadini prenotati, uno studio del rischio vascolare, la misurazione della pressione arteriosa,l’individuazione della fibrillazione atriale, l’ecocolordoppler carotideo e vertebrale e infine una valutazione neurologica conclusiva.

Durante la giornata saranno effettuate fino a 40 visite. L’Ictus cerebrale rappresenta, insieme ad altre malattie cerebrovascolari, la terza patologia, dopo tumori e cardiopatie, che colpisce la popolazione italiana oltre a rappresentare più della metà dei ricoveri ospedalieri in neurologia. Per questo l’Ausl centro ha organizzato una rete territoriale (stroke team) di collegamento tra 8 ospedali aziendali (San Giovanni di Dio di Firenze, Santa Maria Annunziata, Santa Maria Nuova, ospedale del Mugello, ospedale di Pistoia, Pescia, Prato, Empoli) e l’Azienda Careggi per attivare interventi tempestivi in fase acuta di ictus, sia di tipo ischemico che emorragico, perché circa l’80% degli ictus se trattati entro le prime ore possono trarre notevole benefici fino ad un recupero completo.

Tutta la rete degli 8 ospedali abilitati a trattare l’ictus nell’Azienda Toscana Centro ha effettuato, nel 2018, 437 trombolisi sistemiche con un incremento di 80 trattamenti rispetto l’anno precedente. Nel 2018 sono stati inoltre organizzati corsi di formazione aziendali per tutti gli operatori sanitari coinvolti (neurologi, internisti, medici di emergenza urgenza, operatori del 118, infermieri dei DEA e delle Stroke-Unit, anestesisti rianimatori, radiologi e radiologi interventisti) sui percorsi tempo-dipendenti attivati sia per l’ictus ischemico che emorragico.

LEGGI ANCHE: Arrestato a Montecatini Terme albanese con proiettili in casa

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità