Menu
Cerca
CRONACA

Pistoia, firmato il Protocollo tra Prefettura e ABI per la sicurezza nel settore bancario

Attraverso il Protocollo, le banche si impegnano a segnalare tempestivamente alle Forze dell’ordine eventuali preoccupazioni circa le misure di sicurezza o rispetto a movimenti sospetti di persone all’interno e all’esterno degli istituti bancari,

Pistoia, firmato il Protocollo tra Prefettura e ABI per la sicurezza nel settore bancario
Cronaca Pistoia, 10 Marzo 2021 ore 12:23

Per contrastare la criminalità ai danni delle banche, nella mattinata odierna è stato sottoscritto in Prefettura il “Protocollo d’intesa per la prevenzione della criminalità ai danni delle banche e della clientela”, siglato dal Prefetto Gerlando Iorio e dal rappresentante dell’ABI Toscana Marco Iaconis, a nome di tutte le banche presenti sul territorio della provincia di Pistoia, alla presenza del Questore di Pistoia e dei Comandanti Provinciali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, collegati in modalità di videoconferenza.

Il protocollo

Attraverso il Protocollo, le banche si impegnano a segnalare tempestivamente alle Forze dell’ordine eventuali preoccupazioni circa le misure di sicurezza o rispetto a movimenti sospetti di persone all’interno e all’esterno degli istituti bancari, nonché a valutare il rischio di rapina di ciascuna filiale e il rischio di furto alle singole apparecchiature ATM, implementando lo scambio di informazioni con le Forze dell’Ordine anche attraverso l’inserimento nella banca dati anticrimine di OSSIF (Centro di Ricerca sulla Sicurezza Anticrimine) dei dettagli dell’evento criminoso in caso di rapina. Con riferimento alla videoregistrazione, le banche si impegnano, per le nuove installazioni e per l’adeguamento di quelle già esistenti, ad utilizzare la tecnologia digitale, che gradualmente sostituirà quella analogica. Entro sei mesi, le banche dovranno quindi proteggere le proprie apparecchiature ATM, dotandosi di almeno tre sistemi di sicurezza a scelta tra quelli previsti dal Protocollo. Un’attenzione particolare è rivolta anche agli attacchi realizzati ai danni delle dipendenze bancarie con le nuove tecniche di cyber physical security: OSSIF provvederà ad acquisire i dati presso le diverse fonti di raccolta per effettuare analisi che verranno messe a disposizione delle Forze dell’ordine.

Nell’ambito dell’intesa odierna, la Prefettura assicurerà la massima attenzione – anche promuovendo specifiche riunioni del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica – per la gestione delle problematiche inerenti alla sicurezza bancaria, anche a seguito di eventuali situazioni di criticità che dovessero essere riscontrate dalle Forze dell’Ordine, dagli istituti bancari o dalle Associazioni di categoria.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli