Menu
Cerca
Rilancio dell'accordo

Nuovi divieti e maggiori controlli ai mezzi pesanti sulla via Montalese

Il Comune di Pistoia ha firmato il protocollo d'intesa per lo studio di fattibilità per la variante Montalese a Pontenuovo: nel frattempo, in sinergia con Provincia e Comune di Montale, ci sono nuovi divieti per i mezzi pesanti e maggiori controlli in arrivo.

Nuovi divieti e maggiori controlli ai mezzi pesanti sulla via Montalese
Cronaca Pistoia, 31 Marzo 2021 ore 15:04

Nuovi interventi sulla via Montalese e su via Sestini sono stati definiti dai Comuni di Pistoia e di Montale, insieme alla Provincia di Pistoia, per mettere in sicurezza il tratto di strada che attraversa Pontenuovo. Tre le strade intraprese, dettate dalla volontà di limitare ulteriormente il passaggio dei mezzi pesanti e di ridurre il flusso di traffico a cui sono sottoposti gli abitati, riducendo così anche la possibilità che si verifichino incidenti: l’estensione del divieto di circolazione per i mezzi pesanti, l’intensificazione dei controlli da parte della Polizia Municipale di Pistoia e l’approvazione del protocollo d’intesa per lo studio di fattibilità della variante alla provinciale Montalese. Inoltre, dopo le festività pasquali, il Comune di Pistoia si occuperà del rifacimento della segnaletica orizzontale proprio nella zona di Panorama, a Pontenuovo e a Santomato.

Traffico su via Montalese, le novità dal Comune di Pistoia

In accordo con i Comuni di Pistoia e Montale, la Provincia di Pistoia ha appena emanato l’ordinanza che dispone l’estensione del divieto di circolazione ai camion a tutta la strada provinciale Montalese, fino a Montale appunto, disposizione già in vigore con limitazione a 3,5 tonnellate da circa un anno e mezzo nel tratto di via Sestini tra villa di Celle e la rotatoria di Panorama.
La nuova prescrizione sarà in vigore da martedì 6 aprile, quando il cartello di divieto sarà posizionato nella rotatoria di via Berlinguer, all’incrocio con via Vittime delle Foibe. I cinque i chilometri della Montalese, da Montale a Pistoia, compreso l’abitato di Santomato, saranno quindi interdetti ai veicoli superiori a 5 tonnellate. Si tratta di un potenziamento del divieto già in atto, che permetterà anche di intensificare ulteriormente i controlli su strada, cosa che nell’ultimo mese e mezzo è comunque già stata attuata dalla Polizia Municipale di Pistoia.

«Insieme al Comune di Montale e alla Provincia stiamo agendo su più fronti – sottolinea Leonardo Cialdi, assessore alla mobilità del Comune di Pistoia –, così da migliorare la sicurezza stradale di quel tratto di strada, particolarmente critico. Determinante è stato il confronto con i comitati, con i quali sono state vagliate le diverse strategie di azione, con l’obiettivo comune di andare a risolvere un annoso problema, legato appunto all’elevato flusso di traffico che interessa quella zona. Come Comune di Pistoia, negli ultimi mesi abbiamo intensificato i controlli lungo via Sestini, che è appunto di competenza comunale, non solo per sanzionare coloro che non rispettavano il codice della strada, ma anche per dare un segnale, promuovendo la cultura della sicurezza e della vivibilità di quella strada.»

Intensificazione dei controlli da parte della Polizia Municipale di Pistoia

Ventiquattro posti di controlli e dieci autocarri fermati e sanzionati. È il risultato dell’attività svolta a Pontenuovo dalla Polizia Municipale di Pistoia nell’ultimo mese e mezzo, dettata dalla volontà dell’Amministrazione comunale di adottare azioni sempre più incisive per mettere in sicurezza via Sestini e il primo tratto di via Montalese e dunque per assicurare il rispetto delle regole e reprimere le condotte scorrette e pericolose soprattutto per gli abitanti della zona. Si tratta, infatti, di una strada comunale che presenta particolari criticità per i pedoni, tra le quali la ristrettezza della carreggiata e l’assenza di marciapiedi continui.

Da febbraio, dunque, le pattuglie della polizia locale hanno intensificato i controlli, soprattutto per verificare il rispetto del divieto di circolazione per i veicoli superiori a 3,5 tonnellate nel tratto tra villa di Celle e la rotatoria di Panorama.

Protocollo d’intesa per lo studio di fattibilità della variante

Intanto nei giorni scorsi la giunta Tomasi ha approvato e condiviso con la Regione, la Provincia e il Comune di Montale il protocollo d’intesa per lo studio di fattibilità della variante alla strada provinciale Montalese nel tratto di Sant’Agostino. Si tratta di un primo passo per arrivare a definire una nuova viabilità, finalizzata a evitare l’attraversamento del centro abitato di Pontenuovo.

Lo studio di fattibilità per la futura variante, il cui inserimento negli strumenti urbanistici sarà definito dal Comune di Pistoia nell’ambito della redazione del Piano Operativo, verrà realizzato dalla Provincia. Sarà fornita così una risposta concreta alle richieste dei residenti e dei comitati locali, proponendo un collegamento diretto tra Sant’Agostino est e Montale, e mettendo il traffico pesante nelle condizioni di evitare l’abitato di Pontenuovo e quindi di mettere in sicurezza la Montalese.

«Con la soluzione individuata nel tavolo di confronto istituito in Prefettura di Pistoia, a partire dal 6 aprile compiamo un altro passo verso la soluzione del problema di traffico viario della SP5 Montalese – dichiara Nicola Tesi, delegato alla viabilità della Provincia di Pistoia -. Con questa soluzione ci sarà un’ulteriore alleggerimento del traffico dei mezzi pesanti (divieto di transito eccetto autorizzati), mentre con il protocollo d’intesa già sottoscritto tra Regione, Provincia e Comune di Pistoia si eseguirà lo studio di fattibilità per la realizzazione della variante alla strada provinciale che poi dovrà essere inserita nel Poc del Comune di Pistoia e conseguentemente la dismissione del tratto oggetto dell’intervento.»

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli