Motorizzazione civile: Prato deve tornare ad avere la sua

Motorizzazione civile: Prato deve tornare ad avere la sua
Cronaca 16 Novembre 2019 ore 16:42

Un solo ufficio della motorizzazione civile per un milione e 400mila abitanti non può bastare. L’appello del Cpap (Comitato provinciale Area Pratese) per riaprire l’ufficio di Prato.

Motorizzazione civile

L’accorato appello del Cpap che chiede il ritorno dell’ufficio di motorizzazione civile a Prato, si inserisce in un momento di particolare difficoltà per le tante richieste a quella di Firenze.

E ricordando la storia Roberto Risaliti chiede che questo torni attivo su prato come era un tempo.

“A fine anno 1994, in sede di consuntivo, il Dott Rolando Caciolli, a nome del Comitato Provincia- Gruppo Studi, fece la relazione sullo stato dell’”opera” Provincia.
Come riportato nel suo libro sulla storia della Provincia (volume secondo pag.790), così si esprimeva riguardo all’Ufficio della Motorizzazione Civile: “Lo sciagurato insediamento del doppio servizio per le Province di Firenze e Prato nell’Osmannoro condiziona e danneggia lo sviluppo autonomo della nostra Motorizzazione a causa del cronico ritardo fiorentino”.
Siamo nel 2019 e niente è cambiato, tanto che le profetiche parole di Caciolli potrebbero essere state pronunciate oggi.
Sappiamo che i biblici ritardi attuali nello svolgimento delle pratiche, soprattutto degli esami per il conseguimento della patente, vengono imputati a forti carenze di personale addetto agli esami. Tutto vero. Tuttavia riteniamo che un solo Ufficio non potrà mai soddisfare adeguatamente e velocemente, come richiedono i tempi di oggi, Le richieste di 1.400.000 cittadini e le disfunzioni si verificheranno sempre e comunque per la ingente mole di lavoro a cui deve far fronte. Non dimentichiamoci mai che Prato ha fortemente voluto la Provincia proprio perché i 260.000 residenti nella Provincia avessero servizi comodi e facilmente accessibili che consentissero risparmi di tempo e denaro a tutti.  Per esempio: è inutile che la revisione delle auto si possa fare alla Motorizzazione con un risparmio di circa 20 euro, noi pratesi i 20 euro li spendiamo di benzina per andare all’Osmannoro! A ciò si aggiungono i tempi lunghissimi per ottenere l’appuntamento e le file nel giorno della revisione.
I servizi devono “servire” i cittadini, non il contrario”.

LEGGI ANCHE: ANCORA UNO SCIOPERO NEL MONDO DELLA SCUOLA IL 27 NOVEMBRE

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità