Cronaca
La tragedia

Morto nei cieli umbri Giacomo Di Napoli

Tragico incidente durante un allenamento

Morto nei cieli umbri Giacomo Di Napoli
Cronaca Pistoia, 12 Luglio 2022 ore 08:37

Muore a soli vent’anni Giacomo Di Napoli.

Era una promessa dello sport, sia per ciò che concerne il nuoto sia per il volo eppure ieri qualcosa è andato storto e una delle sue grandi passioni, il volo appunto, lo ha tradito.

È morto così Giacomo Di Napoli mentre stava sorvolando una delle aree più belle d’Italia, in Umbria, vicino al lago di Bolsena. Aveva da poco decollato ed iniziato fare le sue solite evoluzioni con un aliante nel cielo sopra Castel Viscardo, in provincia di Terni, quando ha perso il controllo, pare in fase di atterraggio, o forse la manovra di atterraggio è stato un disperato tentativo di salvarsi, questo lo stabiliranno i rilievi delle autorità competenti, primi fra tutti i Carabinieri subito giunti sul posto, quando si è schiantato al suolo. Il ragazzo a dispetto della sua giovane età era un pilota assai esperto nel volo acrobatico. Infatti aveva vinto parecchie gare e le evoluzioni in terra umbra altro non erano che un allenamento in vista dei mondiali che si svolgeranno ad agosto in Francia, a Parigi. Secondo i testimoni che hanno assistito all’incidente L’aliante pilotato da Di Napoli, una volta sganciato dall’aereo che lo ha portato in quota, pare non aver trovato le correnti d’aria adeguate per mantenere l’altitudine. Il pilota ha tentato diverse manovre, forse proprio per trovare un refolo di vento che potesse sostenere il velivolo ma invano. Alla fine l’ultraleggero si è schiantato in un campo vicino alla cava di Castel Viscardo. I soccorsi sono stati immediati, anche perché tutti a terra avevano subito capito le difficoltà del ragazzo a mantenere in quota l’aereo, ma inutili. Il corpo del giovane è stato estratto esanime dalla carlinga. La magistratura di Terni ha disposto la perizia sull’aliante per cercare di capire le cause dell’incidente che potrebbe essere stato causato semplicemente dalla mancanza di vento, quello che nel gergo si definisce "vuoto d’aria" o dalla sua debolissima forza in una giornata particolarmente afosa. La salma e il suo mezzo sono stati sottoposti a sequestro per gli accertamenti del caso. Giacomo Di Napoli ha sempre amato il volo e fin da giovanissimo era entrato a far parte dell’Aeroclub Volovelistico Toscano. In città a Pistoia lo conoscevano in molti perché aveva frequentato e si era brillantemente diplomato (con un anno di anticipo) al liceo artistico Petrocchi. Pistoia ricorda il ragazzo non solo per la sua grande passione per il volo, tra l’altro era anche elicotterista dell’Aereoclub I Pinguini di Santonuovo, ma per i suoi brillanti risultati come nuotatore della Cogis. Insomma un ragazzo che aveva consacrato la sua vita allo sport con risultati eccellenti, tanto da essere premiato dal Coni nel 2019 come eccellenza sportiva del territorio. Un giovane che proprio nei cieli dell’Umbria aveva colto la vittoria, con una ottima prestazione, il XV campionato italiano categoria intermedia e volo artistico "Trofeo L. Ambrogetti" di Acrobazia in Aliante nel 2019 cieli che stavolta gli sono stati fatali.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter