Menu
Cerca
CRONACA

Morto a Quarrata l'artista Marcello Scuffi: il ricordo del sindaco Mazzanti

Pittore di fama nazionale, Scuffi è sempre stato legato alla sua città natale, Quarrata, per la quale due anni fa realizzò il bozzetto della bandiera cittadina.

Morto a Quarrata l'artista Marcello Scuffi: il ricordo del sindaco Mazzanti
Cronaca Piana, 19 Maggio 2021 ore 10:02

Questa notte, 19 maggio 2021, nella sua abitazione di via Colecchio a Quarrata è venuto a mancare, all’età di 73 anni, l’artista Marcello Scuffi. Pittore di fama nazionale, Scuffi è sempre stato legato alla sua città natale, Quarrata, per la quale due anni fa realizzò il bozzetto della bandiera cittadina. Nel 2014 al Polo Tecnologico Libero Grassi realizzò un’esposizione sui temi del circo, il mare, il treno, le nature morte, che ripercorreva l’intera sua opera.

Il ricordo

Marcello – ricorda il Sindaco di Quarrata Marco Mazzanti – oltre che un rinomato artista, era per me un amico. Ricordo i pomeriggi passati al bar La Pineta e le serate passate a cena insieme, la sua ironia, la sua intelligenza, la sua gentilezza. Marcello iniziò a dipingere da ragazzo e non ha mai smesso. Ha esposto in mostre personali e collettive in tutta Italia e non solo, ma non ha mai reciso i rapporti con la sua Quarrata, dove è nato e dove abitava. Due anni fa gli chiesi di fare un regalo alla sua città: realizzare il bozzetto della bandiera di Quarrata. Accolse la proposta con entusiasmo e, dalla sua mano, è nato il disegno che ora campeggia sul vessillo della nostra città. La sua scomparsa lascia un vuoto nella nostra comunità. Per lui parleranno adesso i suoi dipinti e le sue opere, ovunque apprezzate”.

Marcello Scuffi era nato a Tizzana il 25 settembre 1948. Autodidatta, iniziò a dipingere fin dal 1970 e a partire al 1973 si dedicò esclusivamente alla pittura. Fin dall’inizio della sua attività artistica è apparso in varie collettive e in numerose personali. Nel 1977 e nel 1981 ha vissuto a Bruxelles. Le sue opere sono note e apprezzate non solo in Italia, ma anche all’estero, in particolare in Francia, in Belgio e in Svizzera. La sua pittura ha suscitato costantemente l’attenzione non solo di critici d’arte, ma anche di illustri letterati che hanno spesso pubblicato saggi e studi su di essa. Dal 1972 ad oggi sono più di cinquanta le sue mostre personali, molte delle quali tenute in importanti musei e prestigiose sedi istituzionali.