NOVITA'

Montecatini, inizia la distribuzione di mascherine

Da oggi parte invece la distribuzione ai cittadini, tramite le associazioni della Protezione Civile di Montecatini Terme, attraverso 3 diverse modalità di consegna.

Montecatini, inizia la distribuzione di mascherine
Cronaca Valdinievole, 04 Aprile 2020 ore 10:22

Croce Rossa Italiana, Comitato di Buggiano-Montecatini Terme ha consegnato 5.000 mascherine aggiuntive al Centro Operativo della Protezione Civile Comunale, che in parte sono già state donate a coloro che non stanno a casa ma sono in prima linea per proteggere ed aiutare la collettività come le Forze dell'Ordine e i volontari. Una notizia che si aggiunge alla decisione della giunta di rinviare i termini per il versamento del primo trimestre della tassa di soggiorno per gli hotel: non più dunque scadenza il 15 aprile, ma 30 giugno 2020.

Croce Rossa Italiana ha consegnato 5mila mascherine

Da oggi parte invece la distribuzione ai cittadini, tramite le associazioni della Protezione Civile di Montecatini Terme, attraverso 3 diverse modalità di consegna:

1) Distribuzione diretta a chi è interessato tramite la predisposizione di check point controllati per la verifica del rispetto delle distanze e del non assembramento. "Abbiamo scelto di partire dalla Nievole (oggi, sabato 4 aprile dalle ore 16:30 alle ore 18:30 in via di Sano davanti la Chiesa SS. Trinità) e da Montecatini Alto (domenica 5 aprile dalle ore 11 alle ore 13 all'altezza della rotonda di via Augusto Farinati poco prima della Pro Loco)", ha detto il sindaco Luca Baroncini

2) Prosecuzione della già iniziata consegna "porta a porta" alle categorie individuate come fragili, cioè over 65, immunodepressi, portatori di disabilità, ecc. (chi non avesse ancora ricevuto la mascherina può contattare il numero del Centro Operativo Comunale 057279590 dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19);

3) Consegna, a rotazione, fuori dai punti vendita di generi alimentari, a coloro che stanno per entrarvi e non indossano già la mascherina per proteggersi e proteggere all'interno dell'attività.

"Questo servizio alla città è utile a tutti, se non viene interpretato come un invito ad uscire liberamente solo perché adesso ci viene dato un dispositivo di protezione, e se adoperiamo tutti senso civico e collaborazione. Lasciamo quindi la priorità a chi non ha ancora alcuna mascherina, evitiamo di fare i "furbi" presentandosi in più punti per averne un numero maggiore, non andiamo di proposito a far spesa senza perché tanto qualcuno ce la darà (anche perché il servizio fuori dai punti vendita viene effettuato a rotazione)", ha proseguito il sindaco.

"Le regole rimangono le medesime e DOBBIAMO rispettarle: non si può uscire di casa se non per motivi di lavoro, salute o stretta necessità. La mascherina protegge ma non risolve i rischi. Per tanto pur avendola si devono mantenere sempre le distanza interpersonali e limitare al minimo gli spostamenti. Solo stando separati si può sconfiggere il virus e tornare prima alla normalità".