Cronaca
cronaca

Malore prima della partita di Coppa Toscana: Davide Gavazzi non ce l'ha fatta

Durante il riscaldamento il portiere della Montagna Pistoiese si è accasciato a terra

Malore prima della partita di Coppa Toscana: Davide Gavazzi non ce l'ha fatta
Cronaca Montagna, 20 Ottobre 2022 ore 10:54

Si è accasciato sul terreno durante il riscaldamento prima della partita valevole per la Coppa Toscana di Seconda Categoria. Di lì a poco sarebbe sceso in campo, insieme a suoi compagni, a difendere la porta della Montagna Pistoiese, squadra dove militava con orgoglio. Nessuno si immaginava che quella gara non si sarebbe mai giocata.

Aggiornamento 20 ottobre ore 11.30

Dopo una notte di lotta tra la vita e la morte, Davide Gavazzi non ce l'ha fatta. La notizia è iniziata a trapelare di primo mattino in città ed anche in Montagna dopo il malore tremendo che lo ha colpito prima della partita fra Asd Montagna Pistoiese e Cintolese che si doveva disputare nel pomeriggio di mercoledì 19 ottobre. Il ragazzo è stato trasferito con l'elisoccorso Pegaso al Trauma Center di Careggi dove è stato immediatamente preso in cura ed è stato fatto tutto il possibile per potergli garantire una speranza che, purtroppo, si è spenta questa mattina. Un grande dolore per tutto il calcio pistoiese, vista la sua giovane età.

Alla famiglia le più sentite condoglianze anche da parte della nostra redazione.

Aggiornamento 19 ottobre ore 18

Davide Gavazzi, portiere di 28 anni di Cireglio, aveva perso i sensi ed era immobile sul manto verde del campo sportivo. Subito si era capito che le sue condizioni erano drammatiche, che non c'era da perdere tempo.

Compagni e dirigenti subito gli si sono stretti attorno per soccorrerlo e nel frattempo è stato fatto partire l'allarme al 118. Sul posto, quasi nell'immediato, è arrivata un'ambulanza della Croce Rossa di San Marcello e l'automedica. Davide è stato sottoposto a un lungo massaggio cardiaco, un tentativo incessante, durato mezz'ora, per far sì che il cuore non smettesse di battere e che, nel frattempo, il ragazzo riprendesse conoscenza.  Ma le sue condizioni non miglioravano.

Per questo è stato allertato anche l'elisoccorso Pegaso per provare un trasferimento disperato all'ospedale di Careggi di Firenze. Ora la vita di Davide è appesa a un filo, ricoverato in prognosi riservata nella terapia intensiva dell'ospedale di Careggi.

Seguici sui nostri canali