CRONACA

Immunità di massa entro agosto: per raggiungerla in provincia servono 2066 vaccini anti Covid al giorno

La popolazione da vaccinare entro il 31 agosto è di 218 972 abitanti a fronte di una popolazione complessiva di 291963 abitanti (ovvero il 75%).

Immunità di massa entro agosto: per raggiungerla in provincia servono 2066 vaccini anti Covid al giorno
Cronaca Pistoia, 27 Gennaio 2021 ore 18:54

Immunità di massa entro agosto: per raggiungerla a Pistoia servono 2006 vaccini anti Covid al giorno. E’ quanto emerge da uno studio realizzato dalla Uil del Lario.

La situazione

La situazione pandemica da Covid-19 è un’emergenza che impone una soluzione con tempi veloci e rapidi, non può andare oltre il mese di novembre 2021. Un contributo determinante non può che arrivare dall’immunizzazione di massa della popolazione, che gli esperti individuano nel 75% di vaccinati – spiegano dal sindacato Lariano – Pertanto, abbiamo elaborato uno studio delle dosi da somministrare giornalmente a livello di ogni Provincia per raggiungere il risultato entro il 31 agosto 2021 e a partire dal 1° febbraio e che tiene conto della doppia dose di vaccino. Inoltre, abbiamo anche stimato il numero di Medici di Medicina Generale presenti su ogni singola Provincia che potrebbero dare il loro apporto per la fase di somministrazione”.

Lo studio individua il fabbisogno teorico di approvvigionamento di dosi giornaliere che sono necessarie a livello nazionale (circa 428.000 al giorno), e per ogni singola Provincia: a Pistoia saranno 2006 secondo lo studio. La popolazione da vaccinare entro il 31 agosto è di 218 972 abitanti a fronte di una popolazione complessiva di 291963 abitanti (ovvero il 75%).

La preoccupazione della Uil Lario per i ritardi

"Siamo preoccupati dalle notizie riguardanti la carenza/ritardo della fornitura dei vaccini da parte delle ditte produttrici e
che a tutt’oggi non è stato definito un piano di somministrazione dei vaccini organico nel momento in cui sarà garantito il pieno approvvigionamento degli stessi.

Sulla base di questi dati appare quindi necessario che i vari livelli istituzionali, Nazionali e Regionali, per le proprie competenze, il primo per garantire l’adeguata fornitura dei vaccini e il secondo per la programmazione e organizzazione della somministrazione degli stessi, devono impegnarsi per superare le criticità.

Auspichiamo che la crisi di Governo in atto non determini un ulteriore rallentamento dei processi necessari e indispensabili per raggiungere gli obbiettivi di immunizzazione di massa. L’eventuale differimento della soluzione pandemica avrebbe conseguenze economiche e sanitarie ancora più drammatiche di quelle già in essere e non più sostenibili dal Paese".