NOVITA'

Il comune di Pescia rivede i termini dei parcheggi a pagamento

Dopo il 31 dicembre si concluderà la gestione attuale dei parcheggi negli stalli blu e si aprirà una nuova fase, in cui verranno stabiliti nuovi criteri di utilizzo e, eventualmente, anche di tariffe e modulazione del servizio.

Il comune di Pescia rivede i termini dei parcheggi a pagamento
Valdinievole, 01 Agosto 2020 ore 15:13

Dopo un incontro con i titolari della società Nivi, che gestisce per conto del comune i parcheggi a pagamento della città tranne quelli dell’ospedale, il sindaco di Pescia sta per emanare un’ordinanza che definirà il percorso della sosta in città, almeno fino al 31 dicembre prossimo.

Ordinanza del sindaco fino al 31 dicembre

Sarà infatti quello il momento in cui si concluderà la gestione attuale dei parcheggi negli stalli blu e si aprirà una nuova fase, in cui verranno stabiliti nuovi criteri di utilizzo e, eventualmente, anche di tariffe e modulazione del servizio.

Su questo tema, durante il lockdown, il sindaco Oreste Giurlani aveva predisposto la gratuità della sosta a partire dall’8 marzo, prorogando più volte il provvedimento fino al 21 maggio, quando gli stalli blu sono stati rimessi a pagamento con la novità dell’allungamento della sosta di cortesia, ovvero il tempo gratuito a disposizione, che è passato da 15 a 30 minuti.

Per quanto riguarda gli abbonamenti, quelli che scadevano il 31 maggio erano stati prorogati automaticamente al 31 luglio. Da oggi, primo agosto, non vengono più emessi abbonamenti semestrali o annuali. Al loro posto, in questa fase transitoria che arriva fino al 31 dicembre, i cittadini possono fare un abbonamento mensile oppure un abbonamento speciale che copre questo periodo e che costa complessivamente 60 euro.

Tutto questo in attesa delle nuove determinazioni comunali sul tema dei parcheggi :” Variamo ora questa soluzione-ponte anche per venire incontro alle esigenze dei cittadini in questa fase di emergenza sanitaria, poi procederemo con una radicale revisione del servizio– afferma Giurlani-. I parcheggi sono un problema ovunque, in Italia, e noi vogliamo incidere con criteri più aderenti alla situazione attuale, visto che stiamo lavorando su quelli stabiliti nel 2013”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità