Menu
Cerca
NOVITA'

Il comune di Pescia non chiude per Pasqua: info point e servizi garantiti anche nelle festività

Nella settimana prossima verranno distribuite 44mila mascherine.

Il comune di Pescia non chiude per Pasqua: info point e servizi garantiti anche nelle festività
Cronaca Valdinievole, 11 Aprile 2020 ore 07:40

Mentre il sindaco Oreste Giurlani ha deciso di chiudere alimentari e supermercati per le festività di Pasqua e Pasquetta, decisione che poi è stata seguita dalla stessa norma emanata dalla regione Toscana, per evitare comportamenti anomali da parte di qualche cittadino, resterà in funzione il servizio che da settimane il comune di Pescia, attraverso la sua protezione civile, sta offrendo all’intera comunità, sia per l’assistenza che per l’attuazione dei protocolli di contenimento del contagio.

Il provvedimento firmato dal sindaco prevede quindi la chiusura di tutti gli esercizi commerciali autorizzati in questo periodo all’apertura, per i giorni di domenica 12 e lunedi 13 aprile. Tutti chiusi tranne le rivendite di giornali, farmacie e parafarmacie e fatta salva, nel rispetto della vigente legislazione emergenziale, la sola vendita a domicilio, esclusivamente mediante la prenotazione online o telefonica e non presso l'esercizio commerciale, dei generi alimentari e di beni di prima necessità .

IL Comune  con una portineria risponderà dalle 7 alle 19

Il comune sarà aperto, nelle modalità osservate in queste settimane, ovvero una portineria che risponde dalle 7 alle 19 di ogni giorno al numero telefonico del centralino,lo 0572-4920, mentre gli uffici resteranno chiusi al pubblico ma in grado di assicurare lo svolgimento dei servizi essenziali, per i quali si sono aggiunti anche i Vigili del Fuoco, che collaborano con la protezione civile per tutti le attività che i volontari stanno svolgendo.

In questo senso procede il lavoro presso il centro operativo comunale di protezione civile, che viene svolto seguendo le più assolute procedure igieniche e di sterilizzazione, che ieri ha ricevuto i complimenti dell’assessore regionale Federica Fratoni, di imbustamento delle 44mile mascherine inviate dalla regione Toscana, la cui consegna sarà completata nel corso della prossima settimana.

“Per noi non esistono feste, nonostante la grande importanza che ognuno di noi attribuisce alla Pasqua e ai suoi importanti valori religiosi e spirituali, nel senso che non possiamo certo abbassare la guardia nemmeno in questi giorni- dice Oreste Giurlani, sindaco di Pescia-. Diverso il discorso per alimentari e supermercati, che ci preoccupano perché potrebbero essere utilizzati in modo scorretto dalle persone. Quindi noi ci siamo, chi ha bisogno chiami il centralino del comune e sarà ascoltato e i suoi problemi, in linea di massima, risolti. Intanto distribuiamo le mascherine regionali, per poi procedere con una nostra seconda mandata di mascherine uguali alle oltre 11mila che abbiamo dato a chi ce l’ha richieste.Ringrazio anche i Vigili del Fuoco per la preziosa collaborazione , che abbiamo attivato recentemente”.