Cronaca
giusto riconoscimento

Il grande grazie del Comune di Pieve a Nievole alle associazioni in prima linea contro la pandemia

Giornata di festa quella organizzata dal Comune di Pieve a Nievole per ringraziare le associazioni di volontariato che sono state in prima fila nel combattere la pandemia.

Il grande grazie del Comune di Pieve a Nievole alle associazioni in prima linea contro la pandemia
Cronaca Valdinievole, 16 Ottobre 2021 ore 16:34

Il sindaco di Pieve a Nievole Gilda Diolaiuti ha organizzato e celebrato una giornata di ringraziamento per chi ha contribuito a ridurre l’impatto devastante del covid-19, sia in termini di contribuzione che di attività professionale e volontaria. A tutti, ben 53 soggetti che ne rappresentano, come per le associazioni di volontariato, molti al loro interno, è stata consegnata una pergamena ricordo nella quale sono contenute parole di gratitudine e di apprezzamento.

Il ringraziamento del Comune di Pieve a Nievole ad associazioni di volontariato

“Sentivamo, come amministrazione comunale, il bisogno di esprimere il nostro sentito ringraziamento verso tutte quelle persone che hanno, a vario titolo, dato il loro contributo per fronteggiare una situazione straordinariamente drammatica, seconda solo alla guerra, che ha condizionato in ogni senso le nostre vite- ha ricordato Gilda Diolaiuti, sindaco di Pieve a Nievole-. Per questo motivo abbiamo voluto riunire e premiare con un attestato, che per noi ha un valore molto importante, le aziende che hanno contribuito per i buoni alimentari , le farmacie, i donatori economici e non solo, i medici e gli studi medici, le associazioni di volontariato, le forze dell’ordine, il parroco e gli altri ecclesiastici, e i dipendenti comunali, con particolare attenzione alla polizia municipale che ha svolto i compiti di protezione civile. A tutti loro va la nostra eterna gratitudine e stima, ricordando che, però, l’emergenza non è ancora conclusa e bisogna rispettare le norme anticontagio e vaccinarsi tutti. A Pieve a Nievole ci sono stati 953 contagiati, circa il 10% della popolazione, 14 deceduti, ma i danni sono stati notevolissimi anche per gli aspetti sociali ed economici ”.

Alla cerimonia erano presenti molte autorità, che hanno ribadito l’importanza di questa solidarietà e umanità che Pieve a Nievole sempre dimostra in ogni occasione. Fra di loro Gerlando Iorio, prefetto di Pistoia, Alberto Tricoli della questura di Pistoia, Mara Ferasin del commissariato di Montecatini Terme e il comandante della polizia municipale di Pieve a Nievole Andrea Simoni.