Menu
Cerca
CRONACA

Gozzi, direttore Confindustria Toscana Nord: “Sul depuratore di Veneri, sollievo ma anche attenzione verso l’intera operazione”

"Sottolineiamo che il Consorzio del Torrente Pescia ha amministrato l'impianto in maniera ottimale e nel pieno rispetto della normativa ambientale, pur non potendo dare seguito ad ingenti investimenti a causa del ventennale periodo di prorogatio in cui si è trovato ad operare".

Gozzi, direttore Confindustria Toscana Nord: “Sul depuratore di Veneri, sollievo ma anche attenzione verso l’intera operazione”
Cronaca Valdinievole, 09 Marzo 2021 ore 16:03

“Finalmente i liquidatori hanno deciso di definire l’assetto del depuratore di Veneri, operazione che ci sta particolarmente a cuore; da oltre venti anni, prima come Confindustria Lucca poi come Toscana Nord abbiamo chiesto di ridisegnare la governance della struttura (in realtà, la nostra attenzione era appuntata al solo depuratore e non all’inceneritore, mai stato, purtroppo, funzionale alle nostre esigenze), rendendola sufficientemente stabile per sostenere robusti investimenti”. A dirlo è Marcello Gozzi, direttore di Confindustria Toscana Nord.

L’intervento

“Sottolineiamo che il Consorzio del Torrente Pescia ha amministrato l’impianto in maniera ottimale e nel pieno rispetto della normativa ambientale, pur non potendo dare seguito ad ingenti investimenti a causa del ventennale periodo di prorogatio in cui si è trovato ad operare. Crediamo pertanto che la decisione di Coad potrebbe finalmente consentire il potenziamento del sistema di depurazione che ha servito a lungo le cartiere di Villa Basilica e Pescia.

Condividiamo la soluzione della vendita, e della successiva riqualificazione dell’impianto; è un’operazione importante, che non può però prescindere dalla necessità di dare alla struttura una gestione razionale e improntata a criteri di economicità.
La sua strategicità la rende infatti un’infrastruttura al servizio dell’economia e del territorio, e pertanto la legittima aspirazione di fare business si dovrà bilanciare con l’interesse generale. Sarà inoltre importante – come già sottolinea il Vice Sindaco Ballini – conservare il patrimonio di professionalità importanti, maturate negli anni. Su questi aspetti risiede l’interesse delle cartiere nostre iscritte e su essi non mancheremo di far sentire la nostra voce.

Aggiungiamo che la scelta potrebbe arrivare in una fase storica importante; la svolta green che sta investendo il grande mondo della gestione dei rifiuti e del loro riciclo potrà aiutare in questo percorso, magari con l’attrazione di risorse che il consenso del territorio potrebbe aiutare a intercettare”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli