Menu
Cerca
LA POLEMICA

Fratelli d'Italia a Serravalle: "Arpat non indugi. Cosa aspetta a misurare la qualità dell'aria?"

A Cantagrillo e Ponte Stella "nonostante le numerose segnalazioni dei cittadini, non solo non ha individuato l’origine delle maleodoranze, ma non è proprio intervenuta".

Fratelli d'Italia a Serravalle: "Arpat non indugi. Cosa aspetta a misurare la qualità dell'aria?"
Cronaca Piana, 06 Marzo 2020 ore 12:53

Elena Bardelli, portavoce comunale di Fratelli d'Italia, interviene sulle maleodoranze a Cantagrillo e Ponte Stella. "Da diversi mesi ormai cattivi odori sono avvertiti soprattutto in determinate fasce orarie in alcune zone di Cantagrillo e Ponte Stella, ma - come apprendiamo dopo l’intervento pubblico del vicesindaco - nonostante le numerose segnalazioni dei cittadini, Arpat non è ancora intervenuta: non solo non ha individuato l’origine delle maleodoranze, ma non ha nemmeno misurato la qualità dell’aria".

"Questo ritardo non è più tollerabile"

"Non bastano le 80 rilevazioni effettuate dalla polizia municipale e dall’ufficio ambiente in questi ultimi tre mesi? Tutto questo ritardo non è più tollerabile, considerando che molti dei residenti devono subire anche l’enorme disagio dovuto all’inquinamento dei pozzi che interessa più o meno la stessa area.

Come gruppo politico sollecitiamo l’ente di controllo ad intervenire al più presto, in quanto i cittadini hanno diritto di essere informati, di avere risposte certe e di vivere il più possibile in sicurezza e in tranquillità.

La Regione Toscana, invece di penalizzare Arpat con il taglio del personale,  si preoccupi di metterla nelle condizioni di poter operare al meglio, dotandola degli strumenti e delle risorse necessarie: i problemi ambientali non possono attendere".