Cronaca
prospettiva futura

Verso la fase-2 il Comune di Pescia chiede massimo utilizzo dei pagamenti elettronici

L'assessore del Comune di Pescia Annalena Gliori chiede ai propri concittadini di proseguire l'esperienza del pagamento elettronico per andare in contro alle esigenze dei commercianti impegnati nella continua sanificazione dei locali.

Verso la fase-2 il Comune di Pescia chiede massimo utilizzo dei pagamenti elettronici
Cronaca Valdinievole, 03 Maggio 2020 ore 11:20

Fra i tanti problemi che si affacciano su questa fase-2, c’è quello della sanificazione continua dei locali e delle strutture di vendita, che riguarda qualunque esercizio commerciale. In questo senso l’aspetto dei pagamenti è certamente uno dei più rilevanti e complesso. Dall’assessore allo sviluppo economico della giunta guidata da Oreste Giurlani arriva uno spunto di riflessione che diventa suggerimento e potrebbe rappresentare una vera e propria svolta in questa fase 2.

Il Comune di Pescia sulla sanificazione dei locali nella fase-2

“Si tratta di una soluzione ormai utilizzata da mesi, anche da me, quindi ormai testata e sicura- spiega l’assessore Annalena Gliori, che ha anche la delega alla innovazione tecnologica - e che è diffusa in molti negozi di Pescia, anche perché collegata e diffusa da un istituto di credito cittadino. Naturalmente non spetta a noi pubblicizzare un sistema rispetto a un altro e quindi mi limito a descrivere il servizio in termini generali, aggiungendo che qualunque di questi modi di pagamento senza contatto sia valido e determinante per fare risparmiare tempo e dare un valore aggiunto alla sicurezza di questo momento, in cui stiamo combattendo per contenere la diffusione del contagio. Come amministrazione comunale, a partire dal sindaco Giurlani, siamo assolutamente a disposizione per affrontare anche questa opportunità e i modi per diffondere questo servizio con tutti i commercianti”.

Si tratta di un servizio offerto dagli istituti di credito a costo zero, offre massima sicurezza e accettazione da parte di tutti i circuiti bancari più conosciuti. Non è previsto nessun canone o abbonamento da parte dei commercianti e nessun costo dei clienti. Determinante è la condizione di assenza di contatto per effettuare il pagamento, anche limitati come importo, nemmeno della carta di credito utilizzata e quindi non c’è alcun bisogno di alcun passaggio successivo. Un modo per accrescere la già sviluppata vocazione smart della città di Pescia.

LEGGI ANCHE: Piantagione di marijuana in un armadio nascosto in camera ad Uzzano

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter