Cronaca

Ex Questura, deserta anche la terza asta, prosegue la svalutazione del palazzo

Non si è fatto avanti nessuno di fronte al milione e mezzo di euro di valutazione.

Ex Questura, deserta anche la terza asta, prosegue la svalutazione del palazzo
Cronaca Pistoia, 11 Dicembre 2021 ore 12:56

Proprio questo martedì, alla vigilia della festa dell’Immacolata, saranno trascorsi già cinque anni da quando il comando della Polizia di Stato di Pistoia ha abbandonato quel palazzo di nove piani (sei sopra terra e ben visibili in tutto il quartiere, gli altri tre sotto il piano stradale che poi portano fino a combaciare col passaggio della ferrovia Porrettana), con annesso ingresso a bordo strada lungo viale Macallè, per spostarsi al “Polo della Sicurezza” di via Sandro Pertini, non troppo distante in linea d’aria, dove ha trovato spazio di fianco alla Prefettura.

E così quello spazio, che per l’immaginario collettivo pistoiese è sempre stato rappresentato dalla Questura con quella sua scritta al di sotto dei terrazzi del primo piano, da quel momento in avanti è divenuto desolatamente vuoto.
E da quel momento, per l’intero palazzo serrato a doppia mandata, si è aperto un altro capitolo che ha portato - dal febbraio scorso - a metterlo all’asta perché era divenuto troppo oneroso pagare le rate del mutuo e, soprattutto, era andato fallito qualsiasi tentativo di trovare un acquirente con numerose proposte e trattative che, come sono nate, si sono arenate poco dopo.
Nei giorni scorsi, però, un nuovo atto di questa storia. La terza asta, con procedura di vendita telematica asincrona, è andata nuovamente deserta: nessuno ha presentato una proposta al curatore, ovvero l’avvocato Matteo Bolognini del Foro di Pistoia, che non ha potuto far altro che constatare i fatti e iniziare a predisporre i passaggi tecnici da fare per andare verso una quarta asta che, a questo punto, dovrebbe svolgersi nella prossima primavera, ad oltre un anno quindi dall’avvio del procedimento giudiziario.

La base dell’asta in questione era di un milione e 529.500 euro con una offerta minima predisposta a 1.147.125 euro ma, al momento dell’apertura delle buste “telematiche”, nessuna offerta era presente e quindi, adesso, dovrà andare avanti il procedimento per una quarta asta con conseguente svalutazione dell’immobile rispetto a quella che era la cifra iniziale.

Una storia, quella dell’ex Questura, che era partita nel lontano 1967 quando la città iniziava a svilupparsi nella parte Ovest, in quella che tutti hanno sempre riconosciuto come “Pistoia Nova”, e proprio ai lati del ponte di viale Macallè iniziarono a nascere palazzine più o meno alte. Esattamente al culmine del cavalca-ferrovia sorse questo edificio, fra i più grandi in assoluto, che è stato la casa della Polizia pistoiese per mezzo secolo. Poi l’aumento della mole di traffico in città, posteggi scomodi anche per le auto di servizio e le lunghe file che si formavano all’esterno hanno dato la spinta alla creazione del “Polo della Sicurezza” nell’area ex Breda, ancora non del tutto completato.
E così quelle stanze, che pullulavano di poliziotti e - spesso e volentieri anche di delinquenti - sono diventate desolatamente vuote. Per quanto succederà ancora? Qualche mese e ne sapremo di più.