Menu
Cerca
Scovato dai Carabinieri

Entra in un bar di San Marcello con grosso coltello a serramanico: denunciato, rischia pena e pesante multa

I fatti risalgono a domenica scorsa mentre la denuncia a ieri, venerdì 12 marzo: il 60enne del posto, con la scusa di essere un boscaiolo, girava con un grosso coltello a serramanico. Rischia una ammenda fino a 10mila euro.

Entra in un bar di San Marcello con grosso coltello a serramanico: denunciato, rischia pena e pesante multa
Cronaca Montagna, 13 Marzo 2021 ore 12:20

Al bar con un coltello a serramanico in tasca nel territorio di San Marcello Piteglio. Finisce nei guai un taglialegna del posto: denunciato in stato di libertà per porto abusivo di arma adesso rischia una pena da 6 mesi a 2 anni e l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro.

Col coltello a serramanico sotto la camicia: “Ce l’ho tutti i giorni, sono un boscaiolo”

Nel pomeriggio di ieri, venerdì 12 marzo, i Carabinieri della Stazione di San Marcello Piteglio, al termine di una veloce attività di indagine, hanno deferito in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Pistoia, un uomo del posto di circa 60 anni, perché ritenuto responsabile della violazione dell’art. 4 della Legge 110/75 che, lo ricordiamo, vieta di portare al di fuori della propria abitazione le armi e tutta una serie oggetti di potenzialmente pericolosi perchè idonei ad arrecare ferite al prossimo.

Qualche giorno fa, i militari della Stazione di San Marcello Piteglio erano impegnati di pattuglia nei consueti controlli per il rispetto della normativa emanata arginare il virus Covid 19 la quale consente a bar e a ristoranti di vendere i propri prodotti solamente in modalità di asporto, essendo necessario rispettare il distanziamento sociale anche all’esterno degli esercizi commerciali. Ebbene, proprio mentre transitavano di fronte ad uno dei bar del paese, i due Carabinieri notavano un uomo entrare all’interno dell’esercizio commerciale con addosso un grosso coltello a serramanico, custodito in un fodero legato alla cintura dei pantaloni: a tradire l’uomo era stata la camicia da lui indossata che, essendo eccessivamente attillata, aveva permesso a uno dei due militari di intravedere sotto di essa la forma del grosso coltello.

Ritenendo che la situazione fosse sospetta e meritasse approfondimenti, i due Carabinieri decidevano di fermarsi e di procedere al controllo dell’uomo, generalizzandolo compiutamente e sottoponendolo a perquisizione personale, all’esito della quale lo stesso non poteva fare altro che consegnare il grosso coltello a serramanico che celava sotto la sua camicia. Alla richiesta del perché andasse in giro con tale arma, il soggetto rispondeva candidamente che lui faceva di professione il boscaiolo e da sempre era solito uscire di casa con quel coltello che gli occorreva per la sua professione.

Peccato però che l’uomo quel giorno fosse domenica e che lo stesso non indossasse vestiti da lavoro, ma da passeggio. Ritenendo pertanto assolutamente infondata tale giustificazione, i due Carabinieri provvedevano a porre sotto sequestro il coltello rinvenuto, il quale sarà poi depositato presso l’Ufficio Corpi di Reati del Tribunale di Pistoia e a denunciare in stato di libertà il malcapitato il quale adesso rischia una condanna da 6 mesi a 2 anni e un’ammenda da 1.000 a 10.000 euro.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli