Cronaca
Lutto a Pistoia

E' morto Corsino Corsini, volto storico della Giostra dell'Orso e di Porta Lucchese

A 75 anni è scomparso, dopo una breve malattia, Corsino Corsini volto storico di Porta Lucchese e conosciuto per il suo impegno nel commercio e nella Giostra.

E' morto Corsino Corsini, volto storico della Giostra dell'Orso e di Porta Lucchese
Cronaca Pistoia, 04 Maggio 2020 ore 15:03

La notizia si è diffusa in città nella mattinata di lunedì 4 maggio: dopo una breve malattia, si è spento a 75 anni Corsino Corsini, volto noto in Porta Lucchese dove per anni ha gestito un bar oltre ad essere stato tifosissimo della Pistoiese ed uno degli animatori della ripartenza della Giostra dell'Orso negli anni Settanta. Ulteriori approfondimenti sul GIORNALE DI PISTOIA E DELLA VALDINIEVOLE in edicola venerdì 8 maggio.

L'addio di Pistoia a Corsino Corsini

Un personaggio noto e conosciuto in tutta la città, sempre in sella alla sua bicicletta per il centro storico. Così ricordiamo Corsino Corsini, deceduto questa mattina - lunedì 4 maggio 2020 - all'età di 75 anni. Era ricoverato da poche settimane all'ospedale "Cosma e Damiano" di Pescia per una malattia che se l'è portato via in pochi giorni.

Personaggio apprezzato nel mondo del commercio, avendo avuto in gestione il Bar Italia di Porta Lucchese, dove era una vera e propria istituzione. Tanto che a quel quartiere ed a quel rione è legata l'altra grande passione: la Giostra dell'Orso. Per anni, infatti, ha legato il suo nome a quello del Cervo Bianco avendo ricoperto tutti i ruoli dirigenziali e fra i fautori della ripartenza della manifestazione, nel 1975. Negli ultimi anni si era un po' allontanato per poi tornare come figurante del rione nelle ultime edizioni della sfilata per le vie del centro storico il 25 luglio.

Tifosissimo della Pistoiese, negli ultimi tempi aveva voluto alzare la voce sulle storie degli sminatori nel territorio comunale di Pistoia: fra di essi, infatti, c'era anche suo nonno, che di nome faceva Corsino come lui, che non hanno avuto riconoscimenti ufficiali alla memoria. Grazie al suo impegno, e della famiglia del collega di lavoro del nonno - vale a dire Mario Meini - era riuscito a portare l'istanza in Comune che si era dimostrato pronto, dopo anni di silenzio, ad intitolare un qualcosa ai caduti di questo particolare lavoro post-bellico.

In questo momento così particolare non sarà possibile nemmeno tributare l'ultimo saluto, come si deve, a Corsino la cui salma è esposta alle cappelle del commiato della Misericordia di Pistoia: si può accedere, soltanto tre per volta, per evitare assembramenti.

Alla famiglia di Corsino le condoglianze e la vicinanza della redazione di Prima Pistoia: sul prossimo numero del Giornale di Pistoia e della Valdinievole, in edicola da venerdì 8 maggio, ci sarà un servizio dedicato.

Addio a Corsino, il cordoglio dell'amministrazione comunale

L'Amministrazione comunale esprime cordoglio per la morte del già consigliere comunale Corsino Corsini, uno dei principali animatori del Rione del Cervo Bianco, della Giostra dell’Orso e del Luglio Pistoiese a cui ha tanto contribuito negli anni.

In molti lo ricorderanno come il titolare sempre sorridente del Bar Italia, in Porta Lucchese, e per aver sempre preso parte con passione alla vita della comunità pistoiese.
Nell’ultimo decennio si era battuto affinché venisse riconosciuto il sacrificio di suo nonno omonimo, uno sminatore che perse la vita in zona Le Piastre nel Dopoguerra mentre stava svolgendo il suo lavoro.

Il Comune aveva accolto la sua proposta. Sarà infatti collocata una targa in memoria del sacrificio dei rastrellatori di mine che persero la vita tra il 1944 e il 1948, il luogo designato è la piazzetta della chiesa di San Salvatore. L’apposizione dell’epigrafe avverrà non appena i lavori di restauro della piazza saranno ultimati.
È con rammarico che l’Amministrazione comunale tutta ha appreso della dipartita di Corsino Corsini, proprio poco prima che arrivasse il riconoscimento tanto atteso per suo nonno.

LEGGI ANCHE: Omaggio delle Forze dell'Ordine agli ospedali di Pistoia e Pescia

Seguici sui nostri canali