Cronaca
BELLA NOTIZIA

“Dopo il Covid non siamo rimasti soli": le esperienze dei pazienti del San Jacopo

L'accesso al Day Service potrà riguardare, per il momento, 242 pazienti su 337 ricoverati totali a partire dal 24 febbraio, giorno del primo ricovero per Covid. Il 10% dei pazienti sono stati dimessi con ossigenoterapia domiciliare. Il controllo avviene a distanza di almeno quattro settimane dalla dimissione.

“Dopo il Covid non siamo rimasti soli": le esperienze dei pazienti del San Jacopo
Cronaca Pistoia, 20 Maggio 2020 ore 14:22

Dopo il Covid non siamo rimasti soli. Era la nostra paura e, invece, alla dimissione ci hanno dato l’appuntamento o ci hanno chiamato in seguito per venire in questa struttura dove fare le visite e gli esami, e anche la riabilitazione. Abbiamo incontrato gli stessi medici che ci avevano curato in reparto: un trattamento ottimo”. Lo raccontano Gianni, Antonio, Marco e Caterina (nomi di fantasia): sono tra i primi pazienti dimessi dopo malattia Covid-19. Guariti, ma ancora bisognosi di essere seguiti. Per loro l'ospedale San Jacopo ha organizzato nel Day Service di Area Medica un percorso multidiciplinare di follow up.

Sono guariti ma hanno ancora bisogno di assistenza

L'accesso al Day Service potrà riguardare, per il momento, 242 pazienti su 337 ricoverati totali a partire dal 24 febbraio, giorno del primo ricovero per Covid. Il 10% dei pazienti sono stati dimessi con ossigenoterapia domiciliare. Il controllo avviene a distanza di almeno quattro settimane dalla dimissione. Dall’ inizio dell’ attività post Covid sono stati controllati oltre 30 pazienti.

Un follow up completo. "La rivalutazione riguarda soprattutto i pazienti che hanno presentato un quadro clinico e radiologico all’esordio della malattia o durante il ricovero, caratterizzato da un’importante impegno polmonare ai quali è dedicata un’équipe multiprofessionale che abbraccia diverse specialistiche: oltre al pneumologo, l'infettivologo, l’internista e altri colleghi dell'ospedale in relazione alle necessità cliniche e ai risultati degli esami di controllo" - ci spiega il dottor Franco Vannucci, direttore della Pneumologia pistoiese e coordinatore del percorso.

Nel Day Service sono previsti: valutazione pneumologica completa (visita, ecografia del torace, test respiratori, emogasanalisi), controlli radiologici (radiografia ed eventualmente TC del torace), test di laboratorio (compresi test sierologici per evidenziare lo stato di immunità acquisita con dosaggio degli anticorpi IgM e IgG anti Sars CoV2), valutazione fisiatrica e fisioterapica.

Il team multiprofessionale medico specialistico, integrato da quello infermieristico coordinato da Miria Lucchesi, ha a disposizione posti riservati per le indagini radiologiche grazie alla stretta collaborazione con la Radiodiagnostica diretta dalla dottoressa Letizia Vannucchi e si avvale della competenza del Laboratorio Analisi diretto dal dottor Fabiano Santoni.

Programmata anche la riabilitazione respiratoria e motoria. All'interno del Day Service sono anche svolti i fondamentali test per valutare la forza muscolare residua e la capacità respiratoria. Vengono eseguiti dalle dottoresse Mariella Agresti e Sara Lange rispettivamente coordinatrici servizi di riabilitazione San Jacopo e S.S.Cosma e Damiano a seguito della valutazione fisiatrica della dottoressa Martina Boni, direttore Medicina Fisica e riabilitativa Pistoia.

"Perché - racconta ancora il signor Gianni, di San Baronto- quando siamo tornati a casa oltre alla mancanza del respiro ci sono mancate anche le forze per far qualsiasi cosa".

A seconda dei risultati dei parametri vitali (frequenza respiratoria, cardiaca, ecc…), compreso il monitoraggio della saturimetria pre e post sforzo e sulla forza muscolare per il paziente potrà essere necessario avviare un percorso riabilitativo motorio e/o respiratorio : nel primo caso sarà indirizzato verso le strutture territoriali mentre per quanto riguarda la riabilitazione respiratoria il centro di riferimento aziendale è quello dell'ospedale di Pescia.

L'integrazione del progetto del San Jacopo con la valutazione funzionale di riabilitazione respiratoria è nata da una stretta collaborazione tra il Dipartimento di Medicina Fisica e Riabilitativa (al quale afferisce il percorso specifico di riabilitazione respiratoria) e il Dipartimento Medico: la fruttuosa collaborazione tra i dottori Boni e Vannucci per il percorso in Day Service Riabilitativo dedicato ai pazienti con patologia respiratoria cronica, è portato avanti all'ospedale di Pescia, e vi sono indirizzati i pazienti valutati in base alle necessità rilevate.

Comprendendo la Medicina Fisica e Riabilitativa Pistoia, e le Attvità di Riabilitazione Funzionale, sia l'area Pistoiese che della Valdinievole, per la realizzazione del day service dedicato al Covid19 sono state integrate le competenze fisioterapiche delle due zone all'interno del San Jacopo.

"E' un'opportunità, questa, - sottolinea il Direttore del Dipartimento delle Specialistiche Mediche dottor Giancarlo Landini - che permette ai pazienti con uno o più accessi di poter accedere ad un percorso di assistenza specialistica ambulatoriale organizzato e utilizzato dall'Azienda per gestire i casi clinici più complessi attraverso diverse visite, esami strumentali e prestazioni terapeutiche che coinvolgono più professionisti con indubbi vantaggi per i pazienti ai quali è garantita la continuità assistenziale in modo rapido e senza attese con nuove diagnosi, ai fini dell'inquadramento terapeutico e nel caso specifico anche con l'attivazione del percorso riabilitativo".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter