Menu
Cerca

Defibrillatori nelle scuole di Pieve: ci sono ben 64 persone formate da Comune e Misericordia

Grande riscontro di adesioni da parte delle scuole di Pieve a Nievole per la formazione di docenti per l'installazione di defibrillatori: si sono presentati in numero inaspettato.

Defibrillatori nelle scuole di Pieve: ci sono ben 64 persone formate da Comune e Misericordia
Valdinievole, 24 Gennaio 2020 ore 14:48

Risultati sorprendenti nel Comune di Pieve a Nievole di adesione alle giornate di formazione di personale scolastico in grado di utilizzare i defibrillatori: hanno risposto in 64.

I defibrillatori nelle scuole di Pieve a Nievole

Da tempo il Comune di Pieve a Nievole ha deciso di dotare ogni scuola materna, elementare e media del territorio di un defibrillatore, strumento determinante per l’efficacia dei soccorsi in caso di attacco cardiaco e patologie simili.

L’amministrazione comunale guidata dal sindaco Gilda Diolaiuti si è però posta il problema della fase successiva alla installazione di un apparato Dae in ogni plesso scolastico: la capacità operativa per utilizzarlo tempestivamente. Con questo obiettivo la Giunta, coinvolgendo anche il consiglio comunale che ha approvato all’unanimità il percorso da seguire, ha chiesto la collaborazione del dirigente scolastico che, a sua volta, ha sensibilizzato insegnanti, personale amministrativo e ausiliario sull’importanza della conoscenza di questo strumento per usarlo, all’occorrenza, applicando i giusti protocolli.

La risposta del mondo scolastico pievarino è stata sorprendente : ben 64 persone hanno partecipato al corso di formazione organizzato dalla Misericordia di Pieve a Nievole che si è concluso nella serata di giovedi 23 gennaio 2020, con una piccola festa alla quale hanno partecipato anche la stessa Gilda Diolaiuti e l’assessore alla pubblica istruzione Erminio Maraia.

Ora potrà partire, entro la fine dell’anno, la collocazione dei defibrillatori nelle scuola che ne sono sprovvisti, con la certezza che ci sono operatori qualificati in grado di saperli usare correttamente.

“Non possiamo che ringraziare sentitamente la Misericordia, cui riconosceremo un contributo per il lavoro svolto che comunque andrà a vantaggio della collettività. Il corso, come sempre, è stato svolto in modo impeccabile e a tutte le 64 persone che, volontariamente, hanno donato il loro tempo per essere in grado di salvare delle vite umane, va la nostra massima gratitudine. Naturalmente ci auguriamo sempre che quanto hanno imparato non debba mai essere messo in pratica – dicono Diolaiuti e Maraia-. Ancora una volta la comunità di Pieve a Nievole ha dimostrato tutta la sua sensibilità e la sua attenzione verso i bisogni del prossimo, che ci rende davvero orgogliosi”.

LEGGI ANCHE: Rimborsi ticket vicino a casa a Pistoia, ecco come fare