Il problema

Dati del contagio da coronavirus con errori: Rossi istituisce una struttura speciale

Più volte durante il periodo della pandemia da coronavirus sono arrivati dati difformi da Regione Toscana ed Asl sui positivi: da qui la volontà del Presidente Enrico Rossi di istituire una apposita struttura di rilevamento.

Dati del contagio da coronavirus con errori: Rossi istituisce una struttura speciale
Pistoia, 11 Aprile 2020 ore 19:46

Il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, ha deciso di istituire una struttura speciale preposta alla trasmissione dei dati relativi al coronavirus. La struttura sarà coordinata dalla dottoressa Carla Rizzuti, dell’Assessorato al diritto alla Salute della Regione Toscana, che ne curerà l’organizzazione.

Comunicazione dei dati del coronavirus, arriva una struttura speciale in Toscana

Ne abbiamo parlato più volte in questi giorni dei dati che non sono mai risultati essere univoci per la diffusione del coronavirus secondo le stime di Regione Toscana ed Asl Toscana Centro. E’ vero che ci sono orari di riferimento differenti per le rilevazioni (le ore 15 per la Regione che poi trasmette alla Protezione Civile, le 18 per la Asl) ma spesso e volentieri le discrepanze sono state notevoli fino a quanto successo proprio in questa settimana quando, in un giorno, c’erano addirittura più di 30 casi positivi di differenza e, il giorno successivo, l’Asl non ha comunicato i nuovi positivi per disguidi tecnici. L’auspicio, a questo punto, è che questa struttura possa togliere tutti i dubbi che anche il mondo dell’informazione sta avendo di fronte alle varie comunicazioni ufficiali che arrivano “dal fronte” ed alle quali bisogna attenersi.

Di seguito il comunicato stampa ufficiale diffuso dalla Regione Toscana.

La decisione è stata presa dal presidente Rossi in qualità di Autorità regionale di Protezione civile e segna un punto di svolta nella procedura di acquisizione e e trasmissione delle informazioni al Dipartimento nazionale con lo scopo di ridurre al minimo i possibili errori di reperimento e classificazione dei dati.

In una lettera ai direttori generali delle tre Aziende sanitarie locali, il presidente Rossi ha chiesto di individuare, per ciascuna Asl, un unico referente per l’attività di ricognizione e monitoraggio della varia casistica legata all’emergenza sanitaria in corso.

Si specifica poi che il processo di elaborazione e di trasmissione dei dati ai vari soggetti regionali e nazionali destinatari delle informazioni si dovrà concludere facendo capo all’Autorità di protezione civile regionale e all’unità di crisi regionale.

LEGGI ANCHE: Ordinanza della Regione per lasciare chiusi negozi e supermercati per Pasqua e Pasquetta

Top news
Foto più viste
Video più visti