Il bollettino

Coronavirus, 79esima vittima pistoiese della pandemia. Nessun nuovo contagio e si riducono i posti Covid-19

Sale a 79 il bilancio delle vittime da coronavirus in provincia di Pistoia: questo quanto comunicato dalla Regione Toscana. Nella giornata odierna, invece, non si registrano nuovi casi di positività e la pressione sull'ospedale San Jacopo è sempre più bassa: rispetto ai 161 posti letto disponibili nella fase più acuta dell'emergenza, adesso sono stati ridotti a 31.

Coronavirus, 79esima vittima pistoiese della pandemia. Nessun nuovo contagio e si riducono i posti Covid-19
Pistoia, 21 Maggio 2020 ore 19:41

Il bollettino della Regione si rimette in regola con il conteggio fatto il 20 maggio dall’Asl e sale a 79 il numero delle vittime accertate dall’inizio dell’epidemia. Mentre all’ospedale San Jacopo si riducono i posti a disposizione per i malati di Covid-19.

Coronavirus, i dati del contagio in provincia di Pistoia al 21 maggio

Per Asl Toscana Centro non si registrano nuovi casi di positività in provincia di Pistoia il 21 maggio: un dato nuovamente in miglioramento dopo gli ultimi due giorni dove, invece, c’era stato un leggero incremento che aveva allarmato gli esperti anche se non si erano resi necessari ricoveri in ospedale. Purtroppo, secondo quanto riferito dalla Regione, c’è da registrare la 79esima vittima dall’inizio del contagio: la terza negli ultimi 15 giorni confermando che anche questo dato, per fortuna, è diminuito notevolmente rispetto al picco dell’epidemia.

Diminuiscono ancora i letti dedicati al Covid19 nel presidio ospedaliero di Pistoia. In questi giorni è stato riconvertito anche il setting B di area chirurgica, prima destinato all’emergenza sanitaria. Il personale infermieristico, coordinato dalla dottoressa Cristina Salvadori, era quasi tutto presente alla rimozione delle ormai note fettucce che nelle scorse settimane delimitavano in ospedale le aree Covid coordinate dal dottor Gabriele Nenci.

I posti letto al San Jacopo dedicati al ricovero di pazienti ora sono diventati 22 (in week surgery) oltre ai 9 posti dell’area grigia, per gli approfondimenti diagnostici.

Complessivamente i posti letto riservati al Covid19 sono adesso 31 a cui si aggiungono i 10 della terapia intensiva. Nella Fase1 dell’emergenza sanitaria erano stati dedicati 161 posti poi ridotti a 60 nella scorsa settimana con l’inizio dellaFase2.

“L’andamento epidemiologico sembra favorevole – ha commentato il direttore sanitario, la dottoressa Lucilla Di Renzo – ed abbiamo quindi ridimensionato tutta l’area prima dedicata al Covid19 liberando via via anche i posti letto di area chirurgica per un aumento graduale e progressivo dell’attività”.

Al momento i ricoverati per Covid19 sono 6 di cui uno in terapia intensiva.

LEGGI ANCHE: Pescia, troppi assembramenti nel parco fluviale

Coronavirus, i dati del contagio in Toscana al 21 maggio

Sono 10.000 i casi di positività al Coronavirus in Toscana, 18 in più rispetto a ieri. 3 di questi nuovi casi provengono dalla campagna di test sierologici avviata da Regione Toscana alla fine di aprile. I nuovi casi sono lo 0,2% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono del 3,7% e raggiungono quota 7.119 (il 71,2% dei casi totali). I test eseguiti hanno raggiunto quota 218.615, 4.316 in più rispetto a ieri, quelli analizzati oggi sono 4.035. Gli attualmente positivi sono oggi 1.877, l’11,3% in meno di ieri. Si registrano 6 nuovi decessi: 5 uomini e 1 donna con un’età media di 82,8 anni.

Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale – relativi all’andamento dell’epidemia in regione.

Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri; questi si riferiscono non alla provincia di residenza ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi. Sono 3.420 i casi complessivi ad oggi a Firenze (7 in più rispetto a ieri), 557 a Prato (2 in più), 666 a Pistoia (3 in più), 1.044 a Massa Carrara, 1.352 a Lucca, 885 a Pisa (2 in più), 546 a Livorno (3 in più), 675 ad Arezzo, 432 a Siena (1 in più), 423 a Grosseto. 12 in più quindi i casi riscontrati oggi nell’Asl centro, 5 nella nord ovest, 1 nella sud est.

La Toscana si conferma al 10° posto in Italia come numerosità di casi, con circa 268 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 377 x 100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Massa Carrara con 536 casi x 100.000 abitanti, Lucca con 349, Firenze con 338; la più bassa Siena con 162.

Complessivamente, 1.667 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (meno 227 rispetto a ieri, meno 12,0%). Sono 8.370 (meno 195 rispetto a ieri, meno -2,3%) le persone, anch’esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (Asl centro 4.038, nord ovest 3.996, sud est 336).

Si riducono ancora le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid che oggi sono complessivamente 210, 13 in meno di ieri (meno 5,8%), di cui 41 in terapia intensiva (meno 4 rispetto a ieri, meno 8,9%). E’ il punto più basso raggiunto dal 12 di marzo 2020 per le terapie intensive. E il punto più basso raggiunto dal 12 di marzo 2020 per i ricoveri totali.

Le persone complessivamente guarite salgono a 7.119 (più 252 rispetto a ieri, il 3,7% in più): 1.664 persone “clinicamente guarite” (28 persone in più rispetto a ieri, più 1,7%), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione e 5.455 (+224 persone, più 4,3%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con doppio tampone negativo.

Si registrano 6 nuovi decessi: 5 uomini e 1 donna con un’età media di 82,8 anni. Relativamente alla provincia di notifica del decesso, 2 le persone decedute nella provincia di Firenze, 1 a Pistoia,1 a Pisa, 1 a Siena, 1 a Grosseto. Sono 1.004 i deceduti dall’inizio dell’epidemia cosi ripartiti: 362 a Firenze 45 a Prato, 79 a Pistoia, 141 a Massa Carrara, 134 a Lucca, 84 a Pisa, 57 a Livorno, 45 ad Arezzo, 29 a Siena, 20 a Grosseto, 8 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione.

Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 26,9 x 100.000 residenti contro il 53,6 x 100.000 della media italiana (11esima regione).
Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (72,4x 100.000), Firenze (35,8x 100.000) e Lucca (34,5 x 100.000), il più basso a Grosseto (9,0x 100.000).

I dati riportati in questo comunicato sono stati elaborati dall’Agenzia regionale di sanità e dall’Unità di crisi Coronavirus

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità