Cronaca
POLEMICA

Comitato per la salute di Casalguidi e Cantagrillo: "Indagine epidemiologica, avete fallito"

"Oggi ci informano non certo in una assemblea pubblica, che non hanno trovato niente. Che non sanno cosa dire di questi sarcomi. Che le cause sono casuali, che sono avvenuti a Casalguidi- Cantagrillo e non in altre zone della provincia di Pistoia per puro caso...".

Comitato per la salute di Casalguidi e Cantagrillo: "Indagine epidemiologica, avete fallito"
Cronaca Piana, 09 Maggio 2020 ore 15:20

Il Comitato è intervenuto per commentare l'indagine dell'Asl e di Arpat: AVETE FALLITO !

"Nell'assemblea, svoltasi al teatro Francini il 3 ottobre 2019 il Comitato per la salute pubblica contestò al signor Cipriani dell'Asl di essere riuscito nell'ardua impresa di aver parlato una mezz'ora riuscendo a mai nominare la discarica del Cassero. Come se questa non esistesse - ha scritto il referente Antonio Ginetti - Di aver pronunciato queste parole: “voi siete fortunati perchè non avete in zona la presenza di un sito di macro-inquinamento: non avete un petrolchimico, un aeroporto, un inceneritore.”

L'intervento polemico del comitato

"Alle nostre contestazioni facemmo seguito con la richiesta di ampliare il gruppo di ricerca sull'analisi epidemiologica con il coinvolgimento di altri enti scientifici esterni e super partes, senza cioè interessi materiali o politici in zona. Non ci presero assolutamente in considerazione, affermando che erano capaci di svolgere in autonomia tale compito e di avere tutte le competenze e comunque non vollero essere “disturbati” dal coinvolgimento di Enti esterni.
Tale richiesta la ripetemmo all'Amministrazione comunale di Serravalle, che sapevamo avere l'autorità per chiedere e imporre ad Usl il coinvolgimento di Enti terzi nel gruppo di lavoro per l'analisi epidemiologica. Anche da parte dell'amministrazione comunale totale diniego e disinteresse totale al coinvolgimento di “esterni”. Risultato: FALLIMENTO TOTALE.

Oggi ci informano non certo in una Assemblea pubblica, che non hanno trovato niente. Che non sanno cosa dire di questi sarcomi. Che le cause sono casuali, che sono avvenuti a Casalguidi- Cantagrillo e non in altre zone della provincia di Pistoia per puro caso. Ma non per puro caso abbiamo la presenza della discarica di rifiuti speciali, che non per caso è incendiata due volte, sempre per responsabilità aziendale (incendio colposo). Sicuramente sempre per puro caso la nostra zona è interessata dall'inquinamento delle falde da cloruro di vinile, come abbiamo saputo anche la zona di Chiesina Montalese, guardacaso e non per caso, proprio all'interno della discarica lì presente e non più attiva da oltre 20 anni. Anche a Monsummano abbiamo il cloruro di vinile in una zona interessata anni addietro da un incendio di una fabbrica, messo tutto a tacere come da manuale.

Se questi signori avessero DIGNITA' e RISPETTO PER LA SALUTE dei cittadini avrebbero detto: abbiamo fallito, ci mettiamo da parte e altri, che non abbiano alcun interesse neppure politico, svolgano questa analisi epidemiologica
Ma per questi signori la dignità è solo il loro lauto stipendio; il rispetto dei cittadini sta nella sola consapevolezza che questo loro stipendio nasce dalle nostre tasse. Per il resto buio assoluto.

All'Amministrazione comunale chiediamo di non limitarsi a due frasi di rito e lavarsene le mani.
Se, come dicono, sono dalla perte dei cittadini, lo dimostrino: hanno la possibilità di chiedere l'intervento di enti scientifici esterni; lo facciano senza indugi. Altrimenti sono corresponsabili con Asl e Arpat di questo loro fallimento.
Non è più il tempo di attendere. La prematura morte della giovane e dolce Matilde ci chiede di impegnarci nel raggiungere la VERITA' su questi sarcomi. Non sono frutto della casualità. Se questi signori non sanno o non possono indagare fino al fondo la nostra brutta e triste realtà locale, che si facciano da parte e lascino ad altri questo compito: che Il sindaco prenda tutti i provvedimenti affinché ciò si realizzi.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter