Menu
Cerca
L'operazione

Chiesina Uzzanese, in cinque a cena fra amici: scattano le denunce

A Chiesina Uzzanese sono intervenuti i Carabinieri di Pescia che hanno scovato cinque amici intenti a passare fra di loro una serata, in barba ai decreti in atto sull'emergenza Coronavirus. Scattata immediata la denuncia: uno veniva addirittura da Pisa.

Chiesina Uzzanese, in cinque a cena fra amici: scattano le denunce
Cronaca Valdinievole, 30 Marzo 2020 ore 17:50

Intervento dei Carabinieri di Pescia nella serata di domenica 29 marzo in una abitazione di Chiesina Uzzanese dove era arrivata la segnalazione di schiamazzi. All'interno in cinque erano intenti a cenare: sono scattate le denunce per mancata osservanza del decreto "anti-contagio".

Cena fra cinque amici a Chiesina Uzzanese, scattano le denunce

Intervento particolare, nella serata di domenica 29 marzo, da parte dei Carabinieri della stazione di Pescia. Dopo alcune segnalazioni, infatti, si sono presentati in una abitazione di Chiesina Uzzanese dove era in corso una festa privata fra cinque giovani.

Tutti maggiorenni, ognuno si era recato nell'abitazione senza mascherine ne dispositivi atti alla sicurezza in questa situazione di emergenza e per rispettare le norme del decreto "anti-contagio" imposto dal Governo. Ognuno, infatti, aveva portato solo bottiglie di vino e di liquori.

Sono stati, ovviamente, tutti sanzionati a partire dal padrone di casa, passando per gli altri: tre residenti nel territorio di Chiesina Uzzanese ed uno addirittura proveniente dalla provincia di Pisa.

LEGGI ANCHE: Buoni spesa da coronavirus, ecco la ripartizione sul territorio pistoiese