La polemica

Bonelle in rivolta tra rifiuti e parcheggi

I conferimenti nei cassonetti, però, sono anche da parte di strutture mediche: utenti e personale riempiono le strade con le auto

Bonelle in rivolta tra rifiuti e parcheggi
Cronaca Pistoia, 10 Gennaio 2021 ore 19:12

Sembrano non finire più i problemi che, da diversi mesi, stanno attanagliando la popolosa frazione diBonelle: prima l’impianto di illuminazione pubblica che non funziona, poi la chiusura del campo sportivo perché inagibile (poco prima dello scoppio della pandemia) fino ad arrivare al problema dei rifiuti, con scarti di lavorazione tessile e quelli che arrivano da cliniche ed Rsa che non vengono smaltiti nel modo corretto, fino all’ultima problematica che riguarda via del Quadrifoglio che, in alcuni momenti della settimana, è diventata intransitabile a causa dei parcheggi selvaggi da parte di chi usufruisce dei servizi della zona.

Il problema dei rifiuti

Già nelle scorse settimane, proprio sul “Giornale di Pistoia e della Valdinievole”, avevamo fatto un ampio reportage per porre l’accento sui problemi di conferimento dei rifiuti negli appositi cassonetti nella zona per la presenza di sacchi di scarti tessili lasciati durante la notte.

«I problemi di Bonelle sono sia nella parte vecchia che aBonelle ‘80 – hanno scritto, in una lettera indirizzata ad Alia, al sindaco ed agli assessori Bartolomei e Risaliti, i referenti del comitato di quartiere – E’ cosa ben nota e più volte segnalata da diversi mesi di ingenti quantità di scarti tessili, racchiusi in robusti sacchi neri, che vengono lasciati nei cassonetti destinati alla raccolta degli indifferenziati fino a riempirli del tutto, impedendo in questo modo la possibilità di ricevere i rifiuti urbani che quotidianamente vengono prodotti dai residenti, con tutti gli inconvenienti che a ciò conseguono. Le telecamere che sono state installate in prossimità di due postazioni di cassonetti non appaiono oggettivamente sufficienti a scoraggiare e a porre rimedio al protrarsi di questa inaccettabile e diffusa situazione. Oltre a ciò si evidenzia una uguale situazione di inconvenienti dovuta ai rifiuti delle strutture sanitarie (clinica privata e RSA di Bonelle), che frequentemente esauriscono la capienza dei cassonetti, abbandonando al loro esterno ulteriori quantità di rifiuti, sulla cui tipologia e idoneità allo smaltimento come RSU andrebbero fatte le necessarie verifiche, considerato anche i rischi igienico-sanitari aggiuntivi dovuti alla grave pandemia in corso.

Cassonetti che si trovano a poca distanza dall’area giochi dei bambini ed è anche per questo che dovrebbe esserne verificato il corretto e conforme utilizzo. Vorremmo rimarcare la necessità che, appena terminate le restrizioni dovute alla pandemia, venga promossa una necessaria consultazione della cittadinanza per essere informati e poter discutere sulle nuove modalità di raccolta degli RSU e delle innovazioni che in tal senso occorrerebbero».

Parcheggi selvaggi

Per quanto riguarda via del Quadrifoglio, però, i problemi non sono finiti qui, anzi. Da settimane, oramai, in alcuni momenti della settimana (soprattutto durante la pausa pranzo) sta diventando insostenibile anche la viabilità e, nella fattispecie, i parcheggi di utenti e personale della vicina clinica sono aumentati in maniera esponenziale impedendo, come si vede anche dalle foto, il normale passaggio sul marciapiede dei pedoni e la difficoltà a muoversi anche con l’auto, per di più in una strada che presenta buche profondissime e che necessiterebbe di lavori di manutenzione.

A fronte di un numero di residenti non elevato nella zona, e con molti che hanno possibilità di accessi interni all’abitazione o garage, i posteggi auto sono tutti stra-pieni

Gli scarti tessili che abbondano, di questi tempi, dalle parti di Bonelle e, a sinistra, operai al lavoro per sistemare una aiuola a verde in via del Quadrifoglio
Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità