Cronaca
Pistoia

Area ex Breda, da definire il via dei lavori

Dopo l’asta dei mesi scorsi non sono ancora certe le tempistiche per mettere la parola fine ad una vicenda che dura da decenni.

Area ex Breda, da definire il via dei lavori
Cronaca Pistoia, 14 Maggio 2022 ore 14:01

«Tempistiche? Al momento non ci sono novità rilevanti rispetto al mese scorso. Stiamo ovviamente continuando a lavorare, proprio nei prossimi giorni faremo oltretutto il punto della situazione. E contiamo di presentare il piano definitivo nel minor tempo possibile».
Parola di Paolo Salvadori, amministratore delegato della società che ha acquisito le aree dell’ex-Breda per una cifra di poco inferiore ai quattro milioni di euro, la “Tuscany Real Estate Development”. E che ha così chiuso un percorso apertosi il 7 settembre scorso con la gara di vendita dell’area relativa al fallimento della “Giusti per l’edilizia Srl”.
Nel bando era ricompresa anche l’area nella zona di Bottegone e l’aggiudicazione provvisoria era andata alla società Olimpia Real Estate Srl, con sede a Milano. Il 21 settembre successivo però, la Tred ha depositato un’offerta maggiore, inducendo i curatori fallimentari a bandire una nuova asta il giorno stesso.
«Una ferita aperta da anni, pronta a rimarginarsi. Nel 2019 decidemmo per il differimento dei termini di efficacia del piano particolareggiato dell’area, proposta poi deliberata in consiglio comunale - aveva commentato il sindaco Alessandro Tomasi - con questo atto si è data la possibilità della vendita all’incanto, dando cioè alla curatela fallimentare il tempo necessario».
Una maxi-operazione che dovrebbe prevedere fra le varie opere anche un parcheggio da quattrocento posti. Da dove ripartire? Dagli oltre 10mila metri quadri di superficie dei quattro lotti previsti, ovvero il “Lotto O” (complesso immobiliare in costruzione con destinazione turistico-ricettiva) il “Lotto B” (adiacente a via Pacinotti, prevede la realizzazione di un edificio di cinque piani a destinazione commerciale e residenziale) il “Lotto H” (Il cui progetto, in corso di realizzazione, prevede utilizzi residenziali, commerciali e direzionali con posteggi al primo e al secondo piano interrato nella porzione di via XX Settembre) e il “Lotto D”, di fronte alla biblioteca.
«Dopo un lungo periodo di abbandono, l'acquisto dell'area consente finalmente di riprendere l’opera di recupero di un complesso immobiliare posto in prossimità del centro storico – ha ribadito Salvadori - la cui valorizzazione urbanistica ed edilizia può produrre effetti duraturi, anche di natura socio-economica, sul contesto circostante. Nell’immediato, la società si adopererà per mettere in sicurezza l’area e per predisporre quanto necessario all’avvio dei lavori di urbanizzazione».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter