Cronaca

Alti pali coi rilevatori per la velocità: è questa la soluzione per la “Montalese”?

Lo conferma l’assessore alla Mobilità Leonardo Cialdi: su questa ipotesi ci sarebbe l’ok anche della Provincia.

Alti pali coi rilevatori per la velocità: è questa la soluzione per la “Montalese”?
Cronaca Pistoia, 15 Maggio 2022 ore 13:30

La “Montalese” potrebbe vedere l’installazione di una serie di pali con rilevatore di velocità, volti ad individuare chi supera i limiti e rendendo al contempo più difficoltoso l’atto vandalico nei confronti della postazione. E ci sarebbe già il via libera della Provincia, per quanto il progetto sia ancora in fase embrionale. Lo ha anticipato l’assessore alla mobilità Leonardo Cialdi, facendo con il “Giornale di Pistoia e della Valdinievole” il punto su una strada che continua a vedere sistematicamente imbrattate le postazioni-velox presenti dall’inizio di Santomato alla fine di Pontenuovo, come appurato dall’inchiesta della scorsa settimana sulle pagine del Giornale di Pistoia.
«Un problema che va avanti da tempo, ma ci siamo premuniti: quando gli agenti della polizia municipale si recano sul posto per “scaricare” l’apparecchio, segnalano i casi di vandalismo. E gli addetti comunali intervengono sostituendo i vetrini – ha detto – stiamo ad ogni modo valutando per il futuro la fattibilità di un intervento alternativo».
Che non sarà la posa di un tutor, come in passato richiesto dai comitati delle due frazioni. «Un tutor su una strada come quella si rivelerebbe inefficace. Una soluzione alternativa potrebbe essere installare quattro pali alti con limitatore di velocità lungo il tragitto – ha anticipato – so che anche la Provincia sta lavorando su questa ipotesi, mi risulta che di recente abbia chiesto l’autorizzazione al Comune, poi rilasciata. I box rimarrebbero comunque con funzione soprattutto deterrente. E ad ogni modo un’idea che stiamo approfondendo, valutandola anche sotto il profilo economico».
Se la collaborazione con l’ente provinciale sembra esserci, Cialdi non ha però risparmiato una “stoccata” al Pd. Soprattutto per quanto concerne il discorso della Variante Montalese. «Sto sollecitando la Provincia dallo scorso gennaio, affinché si possa aprire il “tavolo”. Sinora però non ho ricevuto alcuna risposta ufficiale – ha detto – l’ultima volta ci è stato detto che i 175mila euro stanziati dalla Regione per lo studio della Variante non sono ancora stati erogati, ma credo sia necessario muoversi già adesso. Attendo inoltre una convocazione dalla Provincia per un altro motivo: stiamo portando avanti la pianificazione urbanistica e la collaborazione dell’ente è fondamentale, per non dover effettuare nuove varianti in futuro».
E sulla messa in sicurezza di Pontenuovo e Santomato, Cialdi propone di valutare un altra opzione alternativa: il senso unico. «C’è a mio avviso la possibilità di evitare il centro abitato, lavorando sulla congiunzione delle vie laterali – ha chiosato – sarebbe possibile inoltre deviare il traffico dei mezzi pesanti in direzione di Badia a Pacciana, dove dovrebbe sorgere il casello autostradale di Pistoia Est».

Seguici sui nostri canali