MONTECATINI TERME

Alberghi sanitari: la gestione dei rifiuti

Alberghi sanitari: la gestione dei rifiuti
Valdinievole, 17 Novembre 2020 ore 15:19

Federalberghi Montecatini Terme ha posto il quesito direttamente all’Autorità per il servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani- ATO Toscana Centro.

Alberghi sanitari: la gestione dei rifiuti

Data la complessità della materia inerente la gestione e tariffazione dei rifiuti, la Federalberghi Montecatini Terme ha chiesto chiarimenti all’Autorità per il servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani- ATO Toscana Centro.

Con una nota ufficiale a firma del Direttore, in risposta alla richiesta, ATOchiarisce che i costi, così come definiti dal metodo tariffario dei rifiuti (MTR), saranno inclusi nel piano economico e finanziario del Comune e saranno attribuiti alle diverse utenze domestiche e non, in coerenza con quanto previsto dai singoli regolamenti comunali e che eventuali contributi percepiti dal gestore a copertura dei costi saranno portati in riduzione del corrispettivo dovuto al gestore stesso.

“Per quanto scritto da ATO, chiariamo una volta per tutte, che i costi degli Hotel Covid non possono essere “spalmati” sulla cittadinanza”.

Per quanto attiene la determinazione di questi costi, le linee d’indirizzo, approvate dalla Regione Toscana per l’individuazione e gestione degli alberghi sanitari, prevedono che i rifiuti urbani prodotti dagli hotel covid “dovranno essere gestiti separatamente dagli altri rifiuti urbani indifferenziati raccolti dal gestore del servizio pubblico, con apposita contabilizzazione distinta degli oneri per la loro raccolta e trattamento”.

Per quanto attiene alla copertura di detti costi abbiamo, quindi, chiesto conferma del fatto che i costi di smaltimento dei rifiuti Covid prodotti, sia dalle civili abitazioni che dagli hotel sanitari, siano totalmente assunti dalla Protezione Civile, come da disposizioni riguardanti la gestione dei rifiuti covid  per il periodo di emergenza.

Abbiamo avuto rassicurazioni in tal senso anche perché non potrebbe essere diversamente dal momento che gli hotel attivati con le convenzioni della ASL sono strutture che stanno sostenendo il sistema sanitario regionale per far fronte alle eccezionali necessità di posti letto legate all’attuale periodo di emergenza.

A riguardo l’attivazione di ulteriori hotel sanitari in Montecatini interviene il Presidente Federalberghi APAM Carlo Bartolini; “Credo oramai che la situazione di necessità di posti letto aggiuntivi a quelli delle strutture sanitarie accreditate sia di tutta evidenza. Il pensiero prevalente è quello di superare questo momento con meno disagi possibili e non credo sia il momento per fare ragionamenti di opportunità o meno sul fatto di mettere a disposizione della collettività la nostra accoglienza e, perché no, valorizzarla. Gli hotel già attivi stanno ospitando concittadini, abitanti di altri comuni della regione Toscana. Dico questo per dimostrare che c’è una effettiva necessità di questo servizio come ci sottolineano tutte le Istituzioni”. Il Presidente conclude con un appello “Per le nostre capacità di accoglienza, come consiglio direttivo Federalberghi APAM, non riteniamo giusto, se non potenzialmente lesivo della nostra immagine, restare immobili. Nel rispetto delle scelte individuali dobbiamo dare seguito alle disponibilità manifestate da alcuni nostri colleghi a diventare Hotel sanitari nel rispetto di quella sicurezza sanitaria per tutti i cittadini data dai severi protocollo di gestione imposti coscientemente dal sistema sanitario.”

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità