A Pistoia e Massa e Cozzile due dei distributori chiusi dopo l’operazione “Oil Flood”

Sui cinque distributori di carburante messi sotto sequestro per "Oil Flood", due sono in provincia di Pistoia: si tratta dello Spendoil di viale Adua a Pistoia e del Re-Fuel di via Gramsci a Traversagna, Massa e Cozzile.

A Pistoia e Massa e Cozzile due dei distributori chiusi dopo l’operazione “Oil Flood”
Pistoia, 19 Febbraio 2020 ore 17:41

Sono due i distributori di carburanti che, dalle prime luci dell’alba di mercoledì 19 febbraio, sono stati posti sotto sequestro dalla Guardia di Finanza dopo l’operazione “Oil Flood”: si tratta dello Spendoil di viale Adua a Pistoia e del Re-Fuel di via Gramsci a Massa e Cozzile.

Distributori chiusi dopo “Oil Flood”

Grande scalpore la notizia diffusa dalla Guardia di Finanza di Pistoia di primissima mattina riguardante un importante giro d’affari illecito, soprattutto volto ad omettere il versamento dell’Iva, sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte, riciclaggio e autoriciclaggio che ha portato al sequestro di beni mobili ed immobili di 17 persone la maggior parte delle quali residenti in provincia di Pistoia. Nella misura dell’operazione “Oil Flood” c’è la disposizione della chiusura anche di cinque distributori di carburanti che fanno parte della catena Spendoil, due dei quali si trovano in provincia di Pistoia.

distributore spendoil viale adua pistoia oil flood

Nella fattispecie si tratta della stazione di servizio di viale Adua a Pistoia, una delle più affollate di tutta la città perché fin dalla sua apertura ha praticato prezzi particolarmente vantaggiosi rispetto a tutte le altre compagnie, ed il distributore Re-Fuel di via Antonio Gramsci a Traversagna, nel territorio di Massa e Cozzile.

Fin dalla mattina sono comparsi avvisi di sequestro e l’attività è stata immediatamente sospesa. Le altre tre stazioni di servizio si trovano in altre regioni.

LEGGI ANCHE: Beni sequestrati dalla Guardia di Finanza per 55 milioni di euro

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei