Attualità
NOVITA'

Tre giovani in cammino verso il sacerdozio

Lo raccontano i ministeri ricevuti mercoledì 10 novembre dai tre seminaristi della Diocesi di Pistoia: Andrea Torrigiani (29 anni), Maximilien Baldi (37 anni) e Alessio Biagioni (42 anni).

Tre giovani in cammino verso il sacerdozio
Attualità Pistoia, 13 Novembre 2021 ore 16:41

La vocazione è un dono. Una chiamata che ancora oggi spinge giovani e adulti sulle strade di Dio e che continua a risuonare ed essere accolta accanto a noi. Lo raccontano i ministeri ricevuti mercoledì 10 novembre dai tre seminaristi della Diocesi di Pistoia: Andrea Torrigiani (29 anni), Maximilien Baldi (37 anni) e Alessio Biagioni (42 anni). Andrea ha ricevuto mercoledì il ministero del lettorato, tappa importante del suo percorso di discernimento. Oggi è al suo quinto anno di studi presso la Facoltà teologica dell’Italia Centrale, «Dal lunedì al venerdì — racconta — frequentiamo il Seminario Arcivescovile fiorentino sul Lungarno Soderini con altri giovani della Toscana provenienti dalle diocesi di Prato, San Miniato, Siena, Montepulciano - Chiusi - Pienza, Grosseto - Pitigliano - Sovana - Orbetello. Poi torniamo in Diocesi il fine settimana».

La novità

Lettorato a accolitato sono due ministeri che accompagnano il percorso formativo dei candidati al sacerdozio, propedeutici a una crescente consapevolezza del servizio presbiterale, incentrati rispettivamente sulla Parola di Dio e l’Eucarestia. A partire dal Concilio Vaticano II questi due ministeri sono affidati anche ai laici, chiamati con il lettorato a una più consapevole proclamazione della parola di Dio durante la liturgia, ma anche attraverso la catechesi. «Un ministero — spiega Andrea — che va a toccare a fondo il nostro rapporto personale con la Scrittura, anche con la meditazione della parola stessa».

L’accolitato è invece incentrato sull’Eucaristia e sul servizio all’altare durante la messa o per l’esposizione eucaristica, la distribuzione dell’Eucarestia ai fedeli e la comunione ai malati. Un legame con la presenza sacramentale che rimanda anche al servizio al “corpo di Cristo” che sono i più poveri e fragili. «La vocazione — spiega Maximilien — è un dono e questo ministero mi ricorda ancora una volta quanto il Signore sia buono con me e continuamente mi doni la Sua Grazia senza merito».

Lettorato e accolitato precedono il diaconato, primo gradino del sacramento dell’ordine che per i seminaristi rappresenta un’ultima tappa formativa in vista dell’ordinazione presbiterale. Il dono dell’accolitato — spiega Alessio Biagioni — è una «nuova tappa del mio cammino di discernimento vocazionale iniziato cinque anni fa. Sono stati anni molto intensi, certe volte faticosi per conciliare insieme impegni di studio e altri impegni di formazione e pastorali, ma sono stati anni emozionanti in cui sono nate bellissime amicizie e ho potuto imparare sempre più la bellezza del servizio».

La celebrazione di mercoledì 10, presieduta dal vescovo Tardelli e concelebrata da alcuni presbiteri, si è svolta alle 18 nella Chiesa di San Benedetto, un luogo da sempre legato al Seminario Vescovile, dove fino agli anni Sessanta si raccoglievano in preghiera gli alunni del Seminario Minore e Maggiore di Pistoia.