Menu
Cerca
NOVITA'

Teatro e spazi culturali al Polo Tecnologico, nuovi spogliatoi e manto in sintetico al campo sussidiario dello stadio Raciti di Quarrata

Presentati i progetti al bando nazionale per la rigenerazione urbana

Teatro e spazi culturali al Polo Tecnologico, nuovi spogliatoi e manto in sintetico al campo sussidiario dello stadio Raciti di Quarrata
Attualità Piana, 25 Maggio 2021 ore 17:38

Un nuovo teatro e spazi culturali al Polo Tecnologico, riqualificazione del campo sussidiario dello stadio Raciti e realizzazione di un nuovo blocco di spogliatoi: sono questi i progetti con i quali l’Amministrazione comunale intende partecipare alla linea di finanziamento approvata con il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri lo scorso 21 gennaio, per l’assegnazione di contributi per investimenti in progetti di rigenerazione urbana.

Con questi due interventi, dal valore complessivo di oltre 5 milioni di euro, l’Amministrazione intende intercettare importanti risorse nazionali (5 milioni di euro) per andare a finanziare due interventi che andrebbero a migliorare significativamente il patrimonio pubblico cittadino e l’offerta di servizi culturali e sportivi della città.

I due progetti di fattibilità tecnica ed economica sono stati interamente redatti dal Servizio Lavori Pubblici del Comune, e sono stati approvati dalla Giunta comunale la scorsa settimana.

Eccoli nello specifico.

Stadio Raciti. Si prevede la riqualificazione e ristrutturazione del campo di calcio sussidiario dello stadio comunale Filippo Raciti, intervenendo su più aspetti. Con lo scopo di ampliare il più possibile la tipologia di gare che l’impianto può ospitare, il progetto prevede l’ampliamento delle dimensioni del campo da gioco (compatibilmente con la superficie di proprietà comunale disponibile) ed il rifacimento completo del fondo con la realizzazione di un manto in erba sintetica e di una illuminazione adeguata. Inoltre si prevede la sistemazione delle situazioni più critiche, tra cui il rifacimento della recinzione perimetrale. Il progetto prevede infine la realizzazione di un blocco autonomo di spogliatoi e di servizi annessi, in maniera tale da consentire in futuro di poter effettuare l’attività sportiva ed agonistica presso il campo sportivo sussidiario, anche in maniera indipendente da quella del limitrofo campo principale dello stadio comunale. In questo modo si otterrebbe il duplice risultato di riqualificare il complesso sportivo costituito dallo stadio comunale con annesso campo sussidiario e contemporaneamente incrementare la potenzialità e la capacità di dotazione sportiva in risposta alle necessità della comunità ed in particolare del mondo sportivo. La stima economica dell’intervento è di 2.450.000 euro, di cui 2.300.000 saranno chiesti come finanziamento al bando nazionale.

Teatro al Polo Tecnologico. Il progetto è volto a trasformare gli spazi del Polo Tecnologico in locali adeguati ad accogliere uno spazio culturale per cinema e teatro da 217 posti a sedere. Il progetto prevede di intervenire sulle sale Zampini e Vangucci e sugli spazi adiacenti, compresi quelli attualmente occupati dal Suap e dall’ufficio del Commercio. L’idea progettuale è quella di prevedere la sala teatrale, cinematografica e per convegni ove ora sono i due volumi espositivi; di ristrutturare i locali retrostanti la piazza coperta che prospettano su via Trieste per destinare, quelli al piano terra, a spazi accessori quali camerini e servizi igienici, mentre quelli al piano primo ad un’ulteriore sala teatrale o per convegni con capienza di 128 posti a sedere. Sempre al primo piano saranno realizzati nuovi servizi igienici. L’ingresso al cinema teatro, da parte del pubblico, sarà da via Lenzi, nel punto in cui vi è ora l’ingresso del Suap. Qui le persone saranno accolte da un ampio foyer con biglietteria e, nei pressi, vi saranno ricavati anche dei servizi igienici. Ai fini dell’abbattimento delle barriere architettoniche è prevista la realizzazione di un ascensore a servizio dei due piani sul lato che affaccia su via Trieste. Dovrà essere previsto un impianto elettrico e meccanico completamente nuovo e indipendente dai restanti locali, adibiti ad uffici, del Polo Tecnologico sui quali non viene previsto alcun intervento; a questa dovrà aggiungersi un progetto relativo all’acustica degli spazi culturali che determinerà mirati allestimenti nel rispetto delle normative tecniche per le specifiche destinazioni d’uso. Sotto il profilo strutturale, non saranno previsti ampliamenti della volumetria. L’intervento ha un costo complessivo di 2.880.000 euro, di cui 2.700.000 saranno chiesti come finanziamento al bando nazionale.