Attualità
circolo

Si è concluso l'ottavo congresso provinciale del comitato Arci di Pistoia

Un consiglio profondamente rinnovato e con un'età media di 35 anni.

Si è concluso l'ottavo congresso provinciale del comitato Arci di Pistoia
Attualità Pistoia, 09 Ottobre 2022 ore 19:06

Si è concluso l'ottavo congresso provinciale del comitato Arci di Pistoia

 

L’ottavo congresso provinciale del comitato Arci di Pistoia si conclude con la rielezione della presidente Silvia Bini, confermata per il secondo mandato alla guida dell’associazione.

Il congresso, ospitato sabato 8 e domenica 9 ottobre dal circolo Arci di Margine Coperta, ha visto una due giorni di confronto e dibattito sul futuro dell’associazione, davanti a una platea di 80 delegati provenienti da Case del Popolo, circoli e associazioni nella provincia di Pistoia.

 

Al termine del congresso i delegati hanno eletto il nuovo consiglio provinciale composto da 31 membri. Oltre alla presidente Bini, fanno parte del consiglio provinciale Alberto Zinanni, Mattia Nesti, Matteo Giusti, Valentina Vettori, Francesca Torracchi, Francesca Pacini, Michele Berti, Iacopo Girolami, Alessandro Martelli, Riccardo Michelozzi, Marco Leporatti, Emanuele Cutstodontis, Elena Trallori, Guido Del Fante, Aferdite Shani, Sara Landini, Valentina Butelli, Saadia Cantelli, Cecilia Innocenti, Roberto Bardi, Massimo Cioli, Anna Lucarelli, Giacomo Sambusida, Carmine De Bellis, Rosalia Billero, Camilla Petrini, Irene Pancani, Novella Nardini, Alessandro Milani, Francesco Cantalini. A questi nomi si aggiungono i quattro invitati permanenti Serena Camerotto, Giacomo Di Vita, Luca Maestripieri, Fabrizio Falasca.

Un consiglio profondamente rinnovato e con un'età media di 35 anni

 

Ai lavori congressuali hanno preso parte anche il presidente di Arci Toscana Gianluca Mengozzi, il responsabile sviluppo associativo Arci Toscana Stefano Carmassi e la presidente onoraria dell'Arci nazionale Luciana Castellina.

 

«Mai come ora - dice la presidente Bini - la nostra associazione ha un ruolo fondamentale in uno scenario politico preoccupante che vede le destre avanzare ovunque. All’interno della nostra associazione condividiamo un sistema di valori forti come l’antifascismo, l’antirazzismo, la solidarietà, l'accoglienza, l’uguaglianza e la ricerca della pace che nei decenni non sono mai venuti meno. Un sistema di valori che rappresenta la base da cui partire per la ricerca di un'unità che non produca mediazioni al ribasso o immobilismo. Il cambiamento della società a cui stiamo assistendo, e di conseguenza della nostra associazione, però non viene da solo. Il cambiamento deve essere organizzato e noi vogliamo essere all’altezza delle sfide che abbiamo davanti. Non vogliamo subire la realtà, ma cambiarla in meglio agendo e pensando con il pensiero che nutre l’azione e viceversa. Unite e uniti per un futuro migliori».

 

 

 

Seguici sui nostri canali