Attualità
le problematiche

Riparte la scuola, allarme Flc-Cgil di Pistoia: "In provincia mancano oltre 100 collaboratori scolastici"

Flc-Cgil, tramite la segretaria provinciale Lucia Bagnoli, analizza la ripartenza delle scuole in provincia con tantissimi posti vuoti fra personale Ata e amministrativi, in particolar modo.

Riparte la scuola, allarme Flc-Cgil di Pistoia: "In provincia mancano oltre 100 collaboratori scolastici"
Attualità Pistoia, 14 Settembre 2022 ore 10:30

Ripartenza delle scuole e monito sulla situazione attuale ed i problemi di oggi da parte della segretaria provinciale di FLC-CGIL Scuola Lucia Bagnoli.

Personale Ata e amministrativo, i "nodi" irrisolti per la scuola pistoiese

Alla riapertura della scuola i problemi relativi al personale sia ATA che Docente della provincia di Pistoia, purtroppo  diventeranno realtà quando domani riapriranno le scuole. Per quanto riguarda il personale Docente, sta proseguendo il  reclutamento attraverso l’algoritmo, procedura informatizzata che porta con sé tutte le aberrazioni dell’Ordinanza Ministeriale  n.112/2022 sulle supplenze, secondo la quale in caso di posti liberi formatisi successivamente all’inizio della procedura, oppure in  caso di rinuncia di un supplente per cui si libera un posto, non si torna indietro nello scorrimento della graduatoria per  l’attribuzione di questi posti, per cui talvolta lavora il docente che ha 40 punti mentre quello che ne ha 90 resta senza supplenza!

Questo non è da imputare all’ufficio scolastico provinciale, che semmai ha cercato di risolvere i problemi che si presentavano, ma  è la normativa che va assolutamente cambiata! Sicuramente riteniamo improcrastinabile il ritorno in presenza alle procedure di attribuzione delle supplenze, perché la procedura informatizzata non può sostituire il dialogo fra le persone e la visione completa  di quanto accade nel momento in cui viene attribuita una supplenza: solo tornando in presenza avremo l’assoluta trasparenza  delle operazioni!

In merito al personale ATA, siamo di fronte alla debacle più assoluta, mancano i collaboratori scolastici, gli assistenti  amministrativi e gli assistenti tecnici! Con le immissioni in ruolo e l’organico in deroga è stato coperto solo il 35,7% del  fabbisogno effettivo di personale ATA, di cui il 34,6% per gli amministrativi, il 39,17% per i collaboratori scolastici e il 17,6% degli  assistenti tecnici; la situazione è aggravata dal fatto che l’organico covid non è stato autorizzato dal Miur, per cui nella nostra provincia mancano circa 100 collaboratori scolastici, fatto che non ha assolutamente interessato l’Ufficio Scolastico Regionale che  non ha fornito gli adeguati posti di collaboratore scolastico mettendo in grave crisi le scuole che non riusciranno a garantire  nè la sicurezza dei propri alunni e dei propri lavoratori, né l’apertura dei plessi, ma neanche i servizi a favore degli alunni  portatori di handicap, cosa molto grave! Al momento sono scoperti 90 posti di collaboratore scolastico, 25 posti di assistente amministrativo e 18 posti di assistente tecnico su 37 scuole! Da sottolineare che le segreterie scolastiche, data la mancanza degli  assistenti amministrativi che segnaliamo già da tempo, sono in sofferenza, in quanto oberate da impegni sempre più gravosi e  sulle quali ricadrà anche l’onere aggiuntivo di contribuire a realizzare diverse misure del PNRR a cominciare dal Piano Scuola 4.0.

La mancanza degli Assistenti Tecnici non consentirà il regolare utilizzo dei laboratori ed il giusto supporto ai docenti nello  svolgimento delle lezioni laboratoriali, si lede anche in questo modo, il diritto allo studio! Come abbiamo già avuto modo di  affermare, quello che ci preme sottolineare è che questo stato di cose si consolida nel pieno silenzio dell’Amministrazione  scolastica Regionale della Toscana e che I POSTI DI LAVORO DELLA SCUOLA NON DIMINUISCONO SOLO PER IL CALO  DEMOGRAFICO, CHE NE E’ IN PARTE RESPONSABILE, MA DIMINUISCONO perché C’E’ LA VOLONTA’ DI RISPARMIARE SUL SERVIZIO SCUOLA, che viceversa dovrebbe essere, insieme alla Sanità, il fiore all’occhiello di uno Stato di diritto degno di questo nome.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter