la decisione

Quinta asta dell'area ex Breda, finalmente qualcuno si presenta. Tomasi: "Una buona notizia per Pistoia"

Finalmente qualcuno si è presentato all'asta dell'area ex Breda: il commento del sindaco di Pistoia, Alessandro Tomasi.

Quinta asta dell'area ex Breda, finalmente qualcuno si presenta. Tomasi: "Una buona notizia per Pistoia"
Attualità Pistoia, 07 Settembre 2021 ore 18:24

Riceviamo e pubblichiamo la nota diffusa dal sindaco di Pistoia, Alessandro Tomasi, in merito alla notizia arrivata oggi, martedì 7 settembre, che la quinta asta per la vendita dell'area ex Breda non è andata deserta. Certo, i tempi di aggiudicazione saranno lunghi a causa dei vari procedimenti da oltrepassare, però è un passo fondamentale.

Area ex Breda, l'asta non va deserta: il commento del sindaco Alessandro Tomasi

Una buona notizia per Pistoia attesa da tempo. Adesso aspettiamo i termini di legge perché ci sia una aggiudicazione definitiva. Intanto la buona notizia per tutti noi c’è ed è che l’asta per la vendita dell’ex Breda non è andata deserta e che c’è stato più di un offerente. Questa prima aggiudicazione provvisoria ci fa ben sperare. Nel 2019 decidemmo per il differimento dei termini di efficacia del piano particolareggiato dell’area ex Breda, proposta deliberata in Consiglio comunale. Con questo differimento la curatela fallimentare ha avuto il tempo necessario per la vendita all’incanto dell’area. Lo stato di paralisi di quell’area andava avanti già da tempo, con il conseguente blocco delle opere pubbliche di completamento del quartiere. Penso agli oltre 400 parcheggi a destinazione pubblica, alle due piazze. Con il differimento dei termini abbiamo cercato di adottare la migliore delle decisioni possibili per la città e di aprire una possibilità per evitare che quell’area restasse una ferita aperta per la nostra città. Fin dall’inizio del mandato abbiamo lavorato senza sosta, sempre con i nostri avvocati e con i tecnici comunali di riferimento per questa vicenda, con l’obiettivo di vedere terminate le opere pubbliche su quell’area. Quella di oggi è una prima buona notizia. La nostra città ha aspettato tanti anni per conoscere il destino di quell’area, perché questa è una vicenda complessa che viene da molto lontano. Adesso non ci resta che aspettare i termini di legge per poter dire qualcosa in più".