l'annuncio

Pubblicata graduatoria PinQua, ci sono anche i tre progetti per Pistoia: in arrivo 40 milioni di euro

Importanti fondi in arrivo dal Governo, tramite gli stanziamenti per il PNRR, per il Comune di Pistoia: grazie alla partecipazione al PinQua, arriveranno 40 milioni di euro nei prossimi anni da sfruttare per tre progetti di riqualificazione sia viaria che sull'edilizia popolare.

Pubblicata graduatoria PinQua, ci sono anche i tre progetti per Pistoia: in arrivo 40 milioni di euro
Attualità Pistoia, 22 Luglio 2021 ore 12:44

Sono 271 le proposte ammesse al finanziamento del Programma nazionale della qualità dell’abitare (PinQua) del Ministero per le Infrastrutture e la Mobilità Sostenibili (Mims) con l’obiettivo di riqualificare i centri urbani, ridurre il disagio abitativo e favorire l’inclusione sociale. E' l'annuncio che ha dato la sottosegretaria ai rapporti col Parlamento, Caterina Bini.

Graduatoria PinQua, 40 milioni di euro per la riqualificazione di Pistoia

Pistoia otterrà - con le risorse extra del Governo - circa 40 milioni di euro per finanziare i tre progetti presentati che prevedono: un intervento sull’edilizia residenziale pubblica che interessa prioritariamente Le Fornaci, dove è prevista la riqualificazione di 212 alloggi, oltre ai quali si interviene con il recupero di ulteriori 24 abitazioni di proprietà comunale situati in zone diverse;

interventi su una rete viaria di 50 km, per una superficie di 532.544 mq. Per ogni comparto dei nove assi relativi ai percorsi del trasporto pubblico sono previsti numerosi interventi di riqualificazione urbana che comprendono il risanamento stradale, nuovi parcheggi, pensiline;

recupero dell’area ex Ricciarelli e la riqualificazione del Parco delle Mura Urbane.

Gli indicatori utilizzati per definire la graduatoria dei progetti hanno tenuto conto sia della superficie residenziale che viene recuperata dal progetto, sia della maggiore inclusività sociale che esso genera, anche tramite il coinvolgimento nella successiva gestione dell’intervento da parte del terzo settore. Ai fondi inizialmente previsti (400 milioni) si aggiungono i 2,8 miliardi del Fondo complementare al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

Si tratta di un grande risultato che dimostra la vicinanza del Governo alle opere di riqualificazione urbana e agli enti locali. Ridiamo alle nostre città nuova linfa. Nuovi spazi per i più piccoli e riqualifichiamo quelli già esistenti.” ha detto la sottosegretario Caterina Bini.