Attualità
la problematica

Preoccupante aumento dei casi di violenza di genere

Un fenomeno in aumento a livello nazionale, visto che Istat a fine 2020 rilevò un aumento del 73% delle richieste di aiuto rispetto al 2019

Preoccupante aumento dei casi di violenza di genere
Attualità 19 Settembre 2021 ore 13:53

Il “Centro Antiviolenza Aiutodonna” di Pistoia aveva più volte messo in guardia già nei mesi scorsi, definendo i dati sulla violenza di genere nel post-lockdown “estremamente preoccupanti” ed evidenziando in linea di massima incremento a livello provinciale. Un fenomeno in aumento a livello nazionale, visto che Istat a fine 2020 rilevò un aumento del 73% delle richieste di aiuto rispetto al 2019. Ed è evidentemente successo anche ad Agliana, visto che di recente è stato segnalato un “Codice Rosa” ed è stata rimodulata in un’altra situazione la modalità di incontri protetti fra i figli e il padre con la separazione in corso.
È quanto emerge dagli ultimissimi dati, per un tema che continua ad essere tutt’altro che secondario in ambito aglianese, visto che il Comune ha impegnato qualche giorno fa oltre 222mila euro da corrispondere agli enti no profit sino al prossimo 31 dicembre che si occupano di un problema direttamente collegato, ovvero quello dell’inserimento di minori in strutture protette. Ma l’ultimo episodio di violenza in ordine cronologico risale alle scorse settimane e riguarda proprio una donna residente ad Agliana. Ha subito delle percosse dal coniuge, tali da averne richiesto l’accesso al pronto soccorso di Pistoia. E da lì è stato attivato il Codice Rosa, con la donna che è stata ospitata per qualche giorno in una struttura di accoglienza.
Qualcosa di simile è successo nei mesi scorsi, con il trasferimento di un nucleo familiare che viveva ad Agliana composto dalla madre e dai quattro figli in un “rifugio” protetto. Un episodio tornato alla ribalta lo scorso agosto, quando con un nuovo cambio di residenza i servizi sociali del Comune (in collaborazione con l’ufficio di Pistoia) hanno dovuto re-disporre la modalità di incontro fra i figli e il marito della donna vittima di violenza, mentre la coppia sta separandosi. Anche in una realtà come Agliana dunque, l’argomento è particolarmente sentito e continua a portare a galla nuovi casi, senza dimenticare le violenze non denunciate. Oltre all’impegno sul piano economico, la giunta Benesperi sta operando sul piano della sensibilizzazione, con iniziative ad hoc e la posa di una panchina rossa (volta a richiamare l’attenzione sulla tematica) concretizzatasi lo scorso autunno, in occasione dell giornata dedicata. Un modo per agire in ottica preventiva, in primis.
«Ancor più in questo momento con l’emergenza Covid-19 e le misure di contenimento adottate che hanno provocato innegabili ripercussioni anche sulla violenza di genere – ha confermato e ribadito più volte l’assessore al sociale Greta Avvanzo – è necessario affermare il nostro fermo “no” alla violenza sulle donne».