Attualità
La notizia

Preoccupano le acque del Padule

Trovate tracce di glifosate nelle acque palustri

Preoccupano le acque del Padule
Attualità Valdinievole, 17 Maggio 2022 ore 08:50

Chiare, fresche e pulite acque, quelle di Larciano? Mica tanto!

ARPAT, quando ha fatto le analisi sui corsi superficiali delle acque larcianesi ci ha trovato Glifosate e altre sostanze usate in agricoltura.

Ma andiamo per ordine. Intanto, stiamo analizzando i risultati del monitoraggio effettuato da ARPAT - la cosa è stata evidenziata dal Girnale di pistoia il 7 gennaio di quest'anno -  di Pistoia nel 2020 sulle acque superficiali sulla qualità delle acque interne che comprendono le acque superficiali (laghi e corsi d’acqua), quelle sotterranee e quelle superficiali destinate alla potabilizzazione. Dati resi pubblici solo alcuni giorni or sono. I principi attivi ricercati sono stati oltre cento, tra questi anche l’erbicida Glifosate ed il suo prodotto di degradazione: l'Acido aminometilfosfonico (AMPA) al centro di vari segnali d’allarme per la loro pericolosità. Le stazioni di monitoraggio per le acque superficiali nel territorio provinciale sono state 18, di cui una individuata nel territorio comunale di Larciano, sul Canale del Terzo nei pressi del Casotto de’ Mori, segnalata come MAS – pf4, sigla che significa Monitoraggio Acque Superficiali area Padule di Fucecchio Stazione n. 4. E in questa stazione, come in altre 8 su 18 (che assommano al 50% delle stazioni di rilevamento) si è registrato il superamento dello Standard di Qualità Ambientale per i Pesticidi Totali (media annua), mentre il superamento dello Standard di Qualità Ambientale per singolo principio attivo, come media annua, si è avuto in 13 stazioni su 18. Tra cui quella nel territorio larcianese. La maggior parte dei superamenti degli SQA (acronimo di Standard di Qualità Ambientale), sia come Pesticidi Totali che come singolo principio attivo, è dovuta al diserbante Glifosate ed al suo metabolita AMPA che hanno raggiunto concentrazioni notevoli. Anche le acque larcianesi (o meglio della parte ovest del comune per essere precisi) esaminate sono interessate dalla rilevante contaminazione di queste due molecole ed il contributo dell’acido aminometilfosfonico – AMPA, è preponderante rispetto al Glifosate. Il superamento degli Standard di Qualità continua ad interessare un significativo gruppo di corpi idrici a livello provinciale (tra cui, in modo evidente, il Padule di Fucecchio), per i quali sussiste un concreto rischio di non raggiungimento degli obiettivi di qualità previsti dalla normativa comunitaria, nazionale e regionale. Esaminando il rapporto, si scopre in conclusione che:
• le maggiori criticità si riscontrano nelle acque superficiali, il cui trend di contaminazione mostra deboli segnali di miglioramento che necessitano di essere confermati in futuro
• il raggiungimento dell’obiettivo di Buono Stato Ecologico e Chimico per la classificazione dei corpi idrici superficiali pistoiesi richiede interventi correttivi delle pratiche agricole, come già detto nei rapporti precedenti.
Insomma, la strada per ricostruire equilibri ambientali soddisfacenti e minori rischi per la salute pubblica è ancora lunga.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter