Menu
Cerca
la situazione vaccinale

Morelli a Giani sull'hub a Pescia: "Presidente ha dato disponibilità a valutare fattibilità"

Il Comune di Pescia torna alla carica chiedendo direttamente al Governatore Eugenio Giani la possibilità di realizzare un hub vaccinale anche nella città dei fiori e più grande dell'attuale centro all'ex Filanda.

Morelli a Giani sull'hub a Pescia: "Presidente ha dato disponibilità a valutare fattibilità"
Attualità Valdinievole, 17 Maggio 2021 ore 17:10

L’assessore del Comune di Pescia, Aldo Morelli, ha preso parte in rappresentanza dell’ente, alla cerimonia di inaugurazione dell’hub vaccinale di Montecatini, al PalaTerme.

Anche il Comune di Pescia ha partecipato all'inaugurazione dell'hub del PalaTerme

“Abbiamo partecipato all'inaugurazione, alla presenza del Presidente Giani dell'hub vaccinale di Montecatini, presso il Palaterme. Un passaggio sicuramente importante per gli abitanti della Valdinievole nella lotta al Covid, che consentirà di aumentare le vaccinazioni nel nostro territorio e limitare questa forma di "turismo sanitario" a cui erano e sono sottoposti i nostri concittadini. È stata anche l'occasione di ribadire al presidente Giani la nostra ferma convinzione e necessità di aprire un hub anche a Pescia, come espresso chiaramente nella recente mozione approvata dal Consiglio comunale. Da parte sua, il presidente Giani ha dato la disponibilità ad una ulteriore verifica della fattibilità di un hub a Pescia.

La situazione alla ex Filanda, come testimoniato da numerosi cittadini, non è più sostenibile per la promiscuità che si crea con gli altri servizi presenti e la assoluta carenza degli spazi dedicati alla vaccinazione. Abbiamo quindi ribadito con forza al presidente Giani la necessità di risolvere questa situazione francamente insostenibile per una città come Pescia e per il diritto ad un servizio adeguato, in piena sicurezza, dei suoi cittadini. Visto l'accelerazione nella somministrazione dei vaccini che ci sarà da qui a giugno, è urgente dare una risposta positiva ai pesciatini e non solo a loro, che hanno tutto il diritto di riceverlo nella loro città”